Amb. Azerbaigian: non solo gas, Italia per noi importante partner

Mammad Ahmadzada: il Tap parta come da calendario nel 2020

20.12.2018 - 18:30

0

Roma, (askanews) - Si conclude un anno di intensi rapporti tra Italia e Azerbaigian, con un importante scambio di visite che, dice l'ambasciatore azero a Roma Mammad Ahmadzada, deve avere seguito e l'avrà, con l'obiettivo di "avvicinare le nostre società".

"Siamo molto soddisfatti dal livello che abbiamo raggiunto nei rapporti bilaterali con l'Italia, soprattutto in questo anno che ha visto una serie di visite ad altissimo livello, a cominciare da quella del presidente della Repubblica italiana Sergio Mattarella in Azerbaigian. Poi abbiamo avuto in Italia il primo vicepresidente della Repubblica dell'Azerbaigian, Mehriban Aliyeva, e la visita in Azerbaigian della presidente del Senato italiano Maria Elisabetta Alberti Casellati. Si tratta di tre visite importantissime dal punto di vista del dialogo politico e istituzionale, anche per il fatto che queste importanti tre cariche hanno compiuto visite in Azerbaigian e in Italia per la prima volta nella nostra storia. Poi possiamo dire che in questo anno abbiamo raggiunto un livello molto importante per i rapporti economici, con la conferma dell'Italia come primo partner commerciale e dell'Azerbaigian come principale fornitore di greggio per l'Italia. Abbiamo anche cercato di diversificare il rapporto economico con l'Italia: non a caso durante la visita del presidente Mattarella è stato organizzato un grandissimo forum economico a cui hanno partecipato molte società italiane e azere. E anche i rapporti culturali sono stati molto intensi, c'è stato un vero scambio culturale , abbiamo organizzato vari eventi i in Italia per promuovere e far conoscere la nostra cultura, compreso il centesimo Anniversario della fondazione della prima Repubblica dell'Azerbaigian. In questo contesto abbiamo avuto un bellissimo evento alla Galleria di Arte Moderna e un importante concerto al Palazzo del Quirinale. E nell'anno prossimo intendiamo continuare, sia a livello culturale che economico, oltre che politico: dobbiamo avvicinare le nostre società".

Dall'Italia all'Europa. L'Azerbaigian negozia un accordo globale con l'Unione europea, che è una realtà in grande cambiamento e anche, diciamolo, in chiara crisi.

"La politica estera dell'Azerbaigian è multivettoriale, un politica bilanciata, e l'Unione europea è una delle direzioni molto importanti della nostra politica estera. Noi abbiamo firmato con una decina di Paesi, anche con l'Italia, accordi di partenariato strategico. L'Ue, va sottolineato, per noi è il principale partner commerciale - e l'Italia in questo quadro è il nostro primo partner commerciale come singolo Paese- e questo è fonte di cruciali investimenti. Ora stiamo portando avanti una serie di progetti strategici che uniscono l'Azerbaigian all'Ue, anzi, non solo l'Azerbaigian, ma l'Asia con l'Europa: la nostra posizione geografica ci dà la possibilità di avere questo ruolo, che è fondamentale".

Quindi l'Europa rata per voi un punto di riferimento.

"Sicuramente".

Arriviamo al Nagorno Karabakh, regione al centro di un cosiddetto 'conflitto congelato' con l'Armenia, che sembra destinato a non avere fine. Posizioni apparentemente inconciliabili: lei vede una possibile soluzione?

"Purtroppo quest'anno fanno trent'anni dall'inizio di questo problema. Nei primi anni del conflitto il 20% del territorio azero è stato occupato militarmente dall'esercito dell'Armenia. E, di nuovo purtroppo, durante questi anni non abbiamo raggiunto la pace. Però la soluzione del conflitto certamente passa dal cambiamento dello status quo e affinché questo avvenga è importante che l'Armenia ritiri il suo esercito, le forze militari dai territori occupati dell'Azerbaigan. L'unica possibilità di risolvere questo conflitto è ripristinare l'integrità territoriale azera".

E infine il gasdotto Tap (Trans-Adriatic Pipeline) in via di costruzione, che deve portare il gas azero all'Europa e all'Italia, punto terminale del tracciato, causa di tante polemiche qui da noi. A suo avviso resta un progetto utile e necessario per l'Europa?

"Sicuramente tra i vantaggi di questo progetto c' è la diversificazione delle fonti energetiche, dell'approvvigionamento. Allo stesso tempo, essendo un progetto da quasi di 40 miliardi di dollari di investimenti, ha portato e sta portando importante sviluppo economico a tutti i Paesi coinvolti in questo corridoio, perché il Tap praticamente è l'ultima fase del corridoio meridionale del gas. Siamo soddisfatti che il progetto stia stiano andando avanti ed è importante finire questo progetto secondo il calendario previsto, quindi che il gas arrivi in Italia nel 2020".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Milano, un convegno per Fellini aspettando la grande mostra

Milano, un convegno per Fellini aspettando la grande mostra

Milano, 21 gen. (askanews) - Il 20 gennaio 2020 Federico Fellini avrebbe compiuto 100 anni. Nella giornata di celebrazioni per uno dei grandissimi del Novecento culturale italiano si è tenuto a Milano il convegno internazionale "Ricordiamo Federico Fellini", in attesa che a Palazzo Reale si inauguri, a settembre, una grande mostra dedicata al mondo del regista. "Abbiamo voluto fare intervenire ...

 
SisalPay-Banca 5: debutto in tv con spot per nuova carta SisalPay

SisalPay-Banca 5: debutto in tv con spot per nuova carta SisalPay

Milano, 21 gen. (askanews) - Debutto in TV per la nuova Società SisalPay - Banca 5. La NewCo nata dall'accordo fra Intesa Sanpaolo e Sisal, con 20 milioni di clienti, ha infatti dato il via alla campagna per il lancio della nuova carta SisalPay che ha come obiettivo valorizzare l'uso della carta come strumento con cui effettuare tutti i pagamenti in sicurezza. Un primo importante passo per creare ...

 
Torna "L'amica geniale", Lila e Lenù tra passioni e scoperte

Torna "L'amica geniale", Lila e Lenù tra passioni e scoperte

Roma 21 gen. (askanews) - Torna dal 10 febbraio su Rai1 la serie-evento "L'amica geniale" con otto nuovi episodi tratti dal libro di Elena Ferrante "Storia del nuovo cognome". In questo secondo capitolo Lila (interpretata da Gaia Girace) si ritrova chiusa in un ruolo di moglie che non le appartiene, vittima anche della violenza del marito, mentre Elena (Margherita Mazzucco) attraversa una impasse ...

 
Festival di Sanremo 2020: i duetti e le cover scelti dai big in gara. La lista

Verso la kermesse

Festival di Sanremo 2020: i duetti e le cover scelti dai big in gara. La lista

Serata speciale di Sanremo 70. L'appuntamento, al Festival, è per giovedì 6 febbraio. Una serata che è stata pensata per celebrare i 70 anni del Festival. Funziona così: ogni ...

21.01.2020

Festival di Sanremo 2020, Maurizio Costanzo su Monica Bellucci: "Resti in Francia e non rompa..."

Verso la kermesse

Festival di Sanremo 2020, Maurizio Costanzo su Monica Bellucci: "Resti in Francia e non rompa..."

Il Festival di Sanremo 2020 non è ancora iniziato e già si porta dietro diverse polemiche. Come l'ultima, innescata da Maurizio Costanzo. Ai microfoni di Radio 1, nel ...

21.01.2020

Stasera in tv: film, programmi e canali: ecco cosa guardare oggi martedì 21 gennaio 2020

Televisione

Stasera in tv: film, programmi e canali. Ecco cosa guardare oggi martedì 21 gennaio 2020

Cosa vedere stasera in televisione, martedì 21 gennaio 2020. Su Rai 1 il match Napoli-Lazio di Coppa Italia. In seconda serata Porta a Porta. Rai 2 il film Il fidanzato di ...

21.01.2020