Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Si scava tra gli edifici distrutti a Gaza dopo gli ultimi raid

Roma, 6 ago. (askanews) - Palestinesi ispezionano i danni di un edificio a due piani colpito da attacchi aerei israeliani a Gaza. Israele ha dichiarato di essere stato costretto a lanciare un'operazione "preventiva" contro la Jihad islamica, insistendo sul fatto che il gruppo stava pianificando un attacco imminente dopo giorni di tensioni lungo il confine con Gaza.

Sale la tensione nella Striscia. Le autorità sanitarie di Gaza hanno dichiarato che 11 persone sono state uccise dai bombardamenti israeliani, tra cui una bambina di cinque anni, e più di 80 sono rimaste ferite. L'esercito israeliano ha stimato che l'operazione ha ucciso 15 militanti.

Israele ha ampliato la sua operazione contro la Jihad islamica, partita il 5 agosto. L'esercito ha annunciato l'arresto di 19 persone, a suo dire membri del gruppo, nella Cisgiordania occupata, oltre all'arresto di un'altra persona.

Israele e la Jihad islamica hanno entrambi confermato l'uccisione di Taysir al-Jabari, un leader chiave dei militanti, in un attacco a un edificio nella parte occidentale della città di Gaza. La Jihad islamica ha dichiarato che l'iniziale bombardamento israeliano equivaleva a una "dichiarazione di guerra", prima di rispondere con una raffica di razzi verso Israele.