Catalogna, "Madrid vuole lo scontro, ma noi siamo pacifici"

Parla la Segretaria alle Relazioni estere del governo catalano

21.10.2019 - 21:01

0

Roma, 21 ott. (askanews) - Una sentenza contro i leader indipendentisti catalani che "è vendetta, non giustizia", e il tentativo del governo e dei media spagnoli di mostrare il movimento indipendentista come violento, insistendo sui disordini quasi quotidiani degli ultimi giorni perpetrati da gruppuscoli violenti che hanno provocato molti danni soprattutto a Barcellona. Così Mireia Borrell Porta, Segretaria per le relazioni esterne e l'Unione europea del governo autonomo catalano, ha spiegato in un'intervista ad Askanews la posizione dell'esecutivo della Generalitat sul giudizio della Corte Suprema di Madrid, che ha condannato 12 leader politici e della società civile catalana, nove dei quali a pene di prigione pesanti, fra i 9 e i 13 anni.

"Il movimento indipendentista è sempre stato pacifico e ha come bandiera la non violenza, questo si è visto in tutte le manifestazioni da oltre otto anni: manifestazioni di un milione o un milione e mezzo di persone, numeri mai visti in Europa, assolutamente pacifiche, senza nemmeno una pattumiera rotta. Come governo rifiutiamo qualsiasi violenza, da qualsiasi parte venga, anche i prigionieri politici hanno detto lo stesso in un comunicato.

"Va detto che si sono viste anche immagini della polizia molto criticabili e molto dure. Anche questo va investigato, si parla molto anche della presenza di infiltrati: è evidente che la narrazione che si cerca di fornire dal governo centrale spagnolo è che quello catalano sia un movimento violento, così come con questa sentenza si vuole far credere che i prigionieri politici siano violenti. Questo lo rifiutiamo: rifiutiamo la violenza e anche la sentenza. Le persone che ora sono in prigione non hanno mai, in nessun momento, commesso violenze: l'unica cosa che hanno fatto è stato organizzare un referendum e delle manifestazioni".

Ma la società catalana non è più spaccata di prima, dopo il referendum dichiarato illegale da Madrid ma ugualmente organizzato dal governo catalano il primo ottobre del 2017, a cui hanno partecipato due milioni di persone votando a stragrande maggioranza "sì" all'indipendenza?

"Non c'è un problema di convivenza in Catalogna: ancora una volta è la narrazione della destra spagnola che vuole portare un problema che nell'Europa del XXI secolo andrebbe affrontato votando, sul piano della convivenza, di una presunta frattura sociale. Non è così: chi vive in Catalogna sa che non c'è questa frattura, quello che c'è è divergenza di opinione sull'indipendenza, mentre sul diritto di votare in un referendum c'è un consenso molto ampio nella società catalana, fra il 70 e l'80% della popolazione crede che un referendum sia utile per risolvere il problema".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Brusaferro (Iss): "No al riutilizzo delle mascherine chirurgiche"

Brusaferro (Iss): "No al riutilizzo delle mascherine chirurgiche"

(Agenzia Vista) Roma, 04 giugno 2020 Brusaferro (Iss): "No al riutilizzo delle mascherine chirurgiche" Così Silvio Brusaferro, presidente dell'Istituto superiore di sanità (Iss), in audizione alla Commissione di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati. / Camera Tv Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Di Stefano (Casapound): “Non è arrivata la notifica di sequestro, se arriva andremo in tribunale”

Di Stefano (Casapound): “Non è arrivata la notifica di sequestro, se arriva andremo in tribunale”

(Agenzia Vista) Roma, 04 giugno 2020 Di Stefano (Casapound): “Non è arrivata la notifica di sequestro, se arriva andremo in tribunale” “Al momento non è arrivata la notifica di sequestro, se arriva andremo in tribunale” queste le parole di Simone di Stefano, leader di Casapound, in merito alla notifica di sgombero del Comune di Roma nei confronti della sede di Casapound in via Napoleone III a ...

 
Per Trump critiche dei generali e silenzio dei predecessori

Per Trump critiche dei generali e silenzio dei predecessori

Milano, 4 giu. (askanews) - Prendono le distanze da Donald Trump i generali, dopo le uscite del leader della Casa Bianca nei 10 giorni di manifestazioni negli Usa provocate dalla morte di George Floyd, nero letteralmente schiacciato con un ginocchio sul collo da un agente di polizia mentre tre colleghi stavano a guardare; tutti incriminati per omicidio e complicità. Proteste di piazza a volte ...

 
Arcuri: al 31 dicembre potrà aver fatto i tamponi 1 italiano su 3

Arcuri: al 31 dicembre potrà aver fatto i tamponi 1 italiano su 3

Roma, 4 giu. (askanews) - "Dai prossimi giorni sarà possibile effettuare fino a 89.000 tamponi al giorno, +47% rispetto al dato già rilevante dell'ultimo mese, 9,9 milioni di prodotti tra reagenti e kit verranno acquistati e messi nelle disponibilità delle Regioni che ne hanno bisogno". Lo ha detto il commissario all'emergenza coronavirus Domenico Arcuri, in una conferenza stampa alla Protezione ...

 
Stasera in tv 4 giugno la quinta stagione di "Che Dio ci aiuti" con Elena Sofia Ricci

TELEVISIONE

Stasera in tv 4 giugno la quinta stagione di "Che Dio ci aiuti" con Elena Sofia Ricci

Stasera in tv 4 giugno prime due puntate della quinta stagione di "Che Dio ci aiuti" (su Rai 1 a partire dalle 21,25) con Elena Sofia Ricci nei panni di suor Angela.  Primo ...

04.06.2020

Stasera in tv 4 giugno "Escape Plan 2 - Ritorno all'inferno" con Sylvester Stallone

TELEVISIONE

Stasera in tv 4 giugno "Escape Plan 2 - Ritorno all'inferno" con Sylvester Stallone

Stasera in tv 4 giugno appuntamento con "Escape Plan 2 - Ritorno all'inferno". Pellicola del 2018, regia di Steven Mille, nel cast anche Sylvester Stallone e Dave Bautista. ...

04.06.2020

Stasera in tv 4 giugno "Alessandro Borghese 4 Ristoranti": a Milano per il miglior brunch

TELEVISIONE

Stasera in tv 4 giugno "Alessandro Borghese 4 Ristoranti": a Milano per il miglior brunch

Stasera in tv 4 giugno va in onda la settima puntata della sesta stagione di "Alessandro Borghese 4 Ristoranti" (Sky Uno ore 21,15). Lo chef romano nato a San Francisco cerca ...

04.06.2020