Catalogna, "Madrid vuole lo scontro, ma noi siamo pacifici"

Parla la Segretaria alle Relazioni estere del governo catalano

21.10.2019 - 21:01

0

Roma, 21 ott. (askanews) - Una sentenza contro i leader indipendentisti catalani che "è vendetta, non giustizia", e il tentativo del governo e dei media spagnoli di mostrare il movimento indipendentista come violento, insistendo sui disordini quasi quotidiani degli ultimi giorni perpetrati da gruppuscoli violenti che hanno provocato molti danni soprattutto a Barcellona. Così Mireia Borrell Porta, Segretaria per le relazioni esterne e l'Unione europea del governo autonomo catalano, ha spiegato in un'intervista ad Askanews la posizione dell'esecutivo della Generalitat sul giudizio della Corte Suprema di Madrid, che ha condannato 12 leader politici e della società civile catalana, nove dei quali a pene di prigione pesanti, fra i 9 e i 13 anni.

"Il movimento indipendentista è sempre stato pacifico e ha come bandiera la non violenza, questo si è visto in tutte le manifestazioni da oltre otto anni: manifestazioni di un milione o un milione e mezzo di persone, numeri mai visti in Europa, assolutamente pacifiche, senza nemmeno una pattumiera rotta. Come governo rifiutiamo qualsiasi violenza, da qualsiasi parte venga, anche i prigionieri politici hanno detto lo stesso in un comunicato.

"Va detto che si sono viste anche immagini della polizia molto criticabili e molto dure. Anche questo va investigato, si parla molto anche della presenza di infiltrati: è evidente che la narrazione che si cerca di fornire dal governo centrale spagnolo è che quello catalano sia un movimento violento, così come con questa sentenza si vuole far credere che i prigionieri politici siano violenti. Questo lo rifiutiamo: rifiutiamo la violenza e anche la sentenza. Le persone che ora sono in prigione non hanno mai, in nessun momento, commesso violenze: l'unica cosa che hanno fatto è stato organizzare un referendum e delle manifestazioni".

Ma la società catalana non è più spaccata di prima, dopo il referendum dichiarato illegale da Madrid ma ugualmente organizzato dal governo catalano il primo ottobre del 2017, a cui hanno partecipato due milioni di persone votando a stragrande maggioranza "sì" all'indipendenza?

"Non c'è un problema di convivenza in Catalogna: ancora una volta è la narrazione della destra spagnola che vuole portare un problema che nell'Europa del XXI secolo andrebbe affrontato votando, sul piano della convivenza, di una presunta frattura sociale. Non è così: chi vive in Catalogna sa che non c'è questa frattura, quello che c'è è divergenza di opinione sull'indipendenza, mentre sul diritto di votare in un referendum c'è un consenso molto ampio nella società catalana, fra il 70 e l'80% della popolazione crede che un referendum sia utile per risolvere il problema".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Di Maio: "Sbagliato pregare Mittal, deve restare a ogni costo"

Di Maio: "Sbagliato pregare Mittal, deve restare a ogni costo"

(Agenzia Vista) Roma, 13 novembre 2019 Di Maio sbagliato pregare Mittal, deve restare a ogni costo Le parole del Ministro degli Esteri Luigi Di Maio al termine dell'assemblea dei gruppi del Movimento 5 Stelle alla Camera dei Deputati. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Berlusconi arriva in Senato per la riunione di FI

Berlusconi arriva in Senato per la riunione di FI

(Agenzia Vista) Roma, 12 novembre 2019 Berlusconi arriva in Senato per la riunione di FI Il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, al Senato per una riunione con i gruppi parlamentari. Fonte: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev

 
Elena Arvigo

CASPERIA

Al teatro "Non domandarmi di me, Marta mia"

Fa riferimento a uno dei carteggi più appassionanti e allo storia d’amore tra Luigi Pirandello e l’attrice Marta Abba lo spettacolo "Non domandarmi di me, Martia mia" di ...

07.11.2019

All'Auditorium San Giorgio dopo Savagnone concerto d'organo e percussioni

RIETI

All'Auditorium San Giorgio dopo Savagnone concerto d'organo e percussioni

La sfida di interessare ragazzi di diverse età ad un repertorio come quello contemporaneo colto, è perfettamente riuscita. Con il suo entusiasmo e con la freschezza e ...

26.10.2019

Conversazioni sul futuro, aspettando il mondo che verrà con Cristina Pozzi

RIETI

Conversazioni sul futuro, aspettando il mondo che verrà con Cristina Pozzi

Conversazioni sul futuro, uno sguardo sul mondo che verrà: si chiama così il nuovo progetto che la Fondazione Varrone propone alla città a partire da venerdì 25 ottobre. La ...

21.10.2019