Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Play out, il Rieti supera il Foligno 2 a 0 e festeggia la salvezza in serie D

  • a
  • a
  • a

Il Rieti centra la salvezza in serie D e il Foligno retrocede in Eccellenza. Questi i verdetti della sfida playout allo “Scopigno”, dove la squadra laziale ha dimostrato di essere più forte degli umbri sotto tutti i punti di vista. Il Foligno ha pagato sul piano dell’inesperienza, della continuità ed anche dell’intensità, cedendo così nella ripresa ad un Rieti che ha fatto valere anche una maggior freschezza atletica. Il primo tempo si è giocato a ritmi alti seppur con un gran caldo (tanto da rendere necessario anche un cooling break). Il Rieti si è reso più pungente sulle vie centrali, con Tortolano e Coulibaly che nelle occasioni più propizie si sono fatti fermare dalle uscite di un tempestivo Marenco. Poi un paio di conclusioni ancora del pericoloso Coulibaly, ma entrambe terminate direttamente fuori. Da parte del Foligno invece solo qualche incursione affidata soprattutto ad Orlandi, apparso il più attivo dei suoi, anche se troppo spesso evanescente nella propria azione. Così la partita è salita di tono nel secondo tempo per merito del Rieti, che ha iniziato mettendo subito sotto pressione gli avversari.

Un atteggiamento che è stato premiato al 9’, quando sull’assist di Attili al limite dell’area la palla è finita a Coulibaly, che ha mirato la porta ed ha trovato impreparato il portiere Falzano, con la palla che gli è sfilata tra le gambe. Con il gol sono anche scoppiati dei momenti accesi in tribuna tra le due tifoserie, tanto da rendere necessario l’intervento deciso delle forze dell’ordine e degli steward per riportare la situazione alla calma. Con il vantaggio il Rieti ha potuto giocare con maggior disinvoltura, badando soprattutto a controllare le folate peraltro deboli dello stesso Foligno. Allo scadere del tempo regolamentare, con la squadra umbra comunque protesa in avanti alla ricerca di un pareggio che l’avrebbe proiettata a giocarsi i supplementari è arrivato il raddoppio da parte del Rieti con Attili che su un traversone proveniente dalla fascia destra ha deviato in rete di testa, chiudendo di fatto anzitempo i giochi e rendendo inutile la fase del recupero finale. Alla fine comunque non è stata una partita di quelle da ricordare sotto il profilo del gioco e dello spettacolo, ma ha regalato tuttavia emozioni forti in relazione all’importanza della posta in palio, che ha condannato il Foligno alle lacrime per la retrocessione davanti al lungo applauso dei tifosi del Rieti alla squadra per una salvezza che ora potrebbe essere seguita dalla cessione societaria per un futuro più solido ed ambizioso.

RIETI-FOLIGNO 2-0

RIETI (4-2-3-1): Marenco 6,5; Tiraferri 6, De Martino 6, Cerroni 6, Benhalima 6; Canestrelli 6, Falilò 6 (31’st Manca sv); Vari 6 (19’st Scibilia 6), Attili 7 (45’st Scalon sv), Tortolano 6 (45’st Esposito sv); Coulibaly 7 (38’st Pedone sv). A disp. Giori, Cesani, Ghita, Orlandi. All. Boccolini 7,5

FOLIGNO (4-3-3): Falzano 5,5; Caruso 6, Tall 6 (45’st Verre sv), Rossi 6, Dell’Orso 6; Tetteh 6, Chiavazzo 5,5 (13’st Pucci 6), Oliva 6; Bevilacqua 5,5 (1’st Ciganda 6), Orlandi 6 (45’st Isaki sv), Valentini 5,5. A disp: Gil De Oliveira, Bocci, Facelli, Said, Cicatiello. All. Tizzoni 5

Arbitro: Gandino di Alessandria 6

Reti: 7’st Coulibaly, 44’st Attili