Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La Sebastiani Rieti ad Ancona per blindare il secondo posto in classifica

Valerio Pasquetti
  • a
  • a
  • a

La Real Sebastiani gioca ad Ancona (palla a due ore 18) per battere la Mosconi ed aggiudicarsi la seconda posizione in classifica, con un privilegio assoluto nella griglia play – off. L’opportunità è ghiotta e da non perdere per beneficiare del fattore campo nella disputa delle “gare senza un domani” almeno fino alle semifinali. “Giocheremo per vincere – afferma subito Piero Coen, il coach di Ancona – Sinceramente, però, nutro dubbi in merito. Le ragioni sono presto dette. La gara non avrà valore per la nostra classifica in quanto, sia che si vinca o che si perda, saremo sempre quinti. Affrontiamo una Sebastiani che ha ritrovato tutti i suoi effettivi, in ottima forma, motivata, forte e profonda come nessun’altra squadra in serie B, reduce da 12 vittorie consecutive. Io non sarò presente al palasport poiché da giovedì sono positivo al covid ma, soprattutto, non ci sarà Quaresa – infortunato - che è il nostro centro titolare (anche il play Panzini, ex Sebastiani, è in dubbio, ndr)”.

Insomma, le premesse per fare bene ed inanellare la tredicesima affermazione consecutiva ci sono tutte. Attenzione, però, a non lasciarsi fuorviare da tante considerazioni. Lo sport più in generale, il basket per quel che qui conta, insegnano che mai un risultato può darsi come assodato. Le partite vanno giocate e vinte sul campo. La Sebastiani dovrà conservare umiltà e profonda determinazione contro una squadra che ha disputato un campionato esaltante, infliggendo sconfitte anche alle compagini più accreditate (Rimini ci ha perso due volte) mentre la Npc, tanto per rimanere in tema, ha vinto a Rieti come ad Ancona.

“La vittoria di Npc a Rimini ci permette di giocare con la possibilità di centrare il primo posto – dice Alex Finelli – E’ una ghiotta opportunità poiché la gara sarà importante per la classifica al fine di adeguare impegno e determinazione in stile play off. Ancona è un ottimo team, sappiamo quanto sia tosta, ottimamente preparata a livello tattico da Coen che propone tattiche difensive particolari. Il quintetto ha giocatori esperti: Panzini, Centanni, Cacace, Pozzetti, mi dicono che Quarisa non ci sarà. In panchina l’esperto Minoli con giovani validi ed emergenti. Chiedo dai miei ragazzi passi in avanti rispetto alla gara contro Jesi, vissuta tra  troppi alti e bassi di rendimento”.