Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Il Rieti allo Scopigno fa le prove generali con la Ternana Primavera

Luigi Spaghetti
  • a
  • a
  • a

Penultimo impegno precampionato per il Rieti, che oggi pomeriggio allo “Scopigno” (ore 17) affronterà la Primavera della Ternana. Un test match probante per la formazione di Carmine Parlato, ancora alla ricerca degli interpreti e gli automatismi giusti per far andare la “macchina amarantoceleste” a pieno regime. Si ripartirà da quanto visto sette giorni fa esatti contro lo Spes Poggio Fidoni, ma con l'intenzione di vedere in mezzo al campo delle cose migliori rispetto a quell'occasione dato che di mezzo ci sono state delle sedute di lavoro tattico importanti, mirate proprio ad accrescere l'intesa tra i vari reparti. In campo anche una serie di elementi attualmente in prova, sui quali la società ha posato gli occhi, ma che prima di ottenere l'ok dovranno convincere sia il tecnico, che la società. E restando in tema di mercato, il Rieti resta sulle tracce di un attaccante di assoluto valore e un centrocampista che possano ampliare ulteriormente la rosa a disposizione di Parlato e dare delle alternative sia da un punto di vista tecnico, che sotto l'aspetto tattico. Di partenza, stando almeno a quello che si vede in campo, il Rieti si muoverà sui dettami tattici richiesti dal 4-3-1-2, ma chi ha avuto modo di seguire Parlato nel corso della sua carriera (peraltro vincente), il tecnico campano ha sempre denotato una certa duttilità nell'adattarsi anche ad altri moduli. Dalla prima squadra al settore giovanile, perché nei prossimi giorni il nuovo responsabile Chicco Boccaccio, d'accordo con la società, renderà noti i nomi degli allenatori ai quali verranno affidate le cinque formazioni  che a partire dal prossimo 23 settembre torneranno a sfidare le rispettive avversarie di turno, ognuno nel proprio campionato d'appartenenza. Per quanto concerne la Juniores Nazionale, non c'è ancora l'ufficialità ma col passare delle ore prende sempre più corpo l'idea di affidare la squadra a Claudio Gerini, il quale dopo aver avuto la possibilità di fare un'importante esperienza in prima squadra – prima dell'arrivo di Parlato – compierebbe un doppio salto in avanti rispetto allo scorso anno quando era alla guida dei Giovanissimi e, nell'ultima parte della stagione, anche degli Allievi. Marco Ferroni