Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Al teatro Manlio in scena Giuseppe Cederna

Luigi Spaghetti
  • a
  • a
  • a

Il secondo appuntamento della stagione teatrale 2016, al Manlio, sabato 13 febbraio, dalle ore 21, è dedicato alla Grande Guerra. Sul palcoscenico un cumulo di informe di sacchi e legni anneriti dal fuoco è la zattera a cui si aggrappa il protagonista dello spettacolo “L'ultima estate dell'Europa”, un naufrago della guerra. Giuseppe Cederna dà voce e corpo a quell'umanità di vittime e di carnefici che trasformarono l'Europa in un immenso mattatoio. Un viaggio in “un'altra storia” dove si passa dall'esaltazione alla consapevolezza fino alla disperazione e alla morte, il tutto raccontato attraverso le memorie, le poesie e le lettere dal fronte. Oltre ai testi di grandi letterati come Carlo Emilio Gadda e Giuseppe Ungaretti, personaggi che l'attore interpreta mentre si trovano in prima linea a combattere. In questo viaggio il protagonista è accompagnato delle note toccanti eseguite dal vivo da Alberto Capelli (chitarre e percussioni) e Mauro Manzoni (flauti e sassofoni). Come dice Cederna, “Non è ovviamente una ricorrenza che va festeggiata o esaltata, ma è indubbio che questo devastante evento abbia inciso profondamente sui destini dell'Europa e dell'Italia in particolare. È importante soffermarsi e meditare a lungo, specialmente per i più giovani, su cosa sia veramente una guerra, ora che il mondo sembra una immensa polveriera sul punto di esplodere”. Costo del biglietto 12 euro.