Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Da Indra l'eco-drone per la protezione di fiumi e coste

L'Uav sarà commercializzato entro l'anno

AdnKronos
  • a
  • a
  • a

Roma, 16 gen. (Adnkronos) - Un drone ambientale in grado di automatizzare la raccolta di campioni nei fiumi e nelle aree costiere, così da offrire informazioni in tempo reale sui parametri di qualità dell'acqua. A testarlo Indra, società di consulenza e tecnologia, insieme alle società spagnole Sixtemas e Adantia. Il sistema sarà pronto per la commercializzazione entro l'anno. Nell'ambito del progetto, Indra è stata responsabile, in collaborazione con la società galiziana Aeromedia, dello sviluppo di mezzi automatici per l'acquisizione di campioni e dati, in grado di controllare la qualità di bacini idrici, ecosistemi fluviali e costieri. Il sistema aereo senza pilota si basa su un multi-rotore che può sopportare fino a 25 kg di peso massimo al decollo, con un sistema di controllo ottimizzato. Ha diversi dispositivi e sensori in grado di determinare automaticamente la profondità e lo stato del fondo dei fiumi e delle coste, misurare l'altezza dello strato fotico, quello in cui penetra la luce solare, acquisire e sfruttare in tempo reale i dati di qualità dell'acqua ed effettuare il campionamento, sia a livelli di profondità specifici sia nell'intero strato fotico. Permette di raccogliere dati e campioni senza la necessità di una barca e di smaltirli immediatamente. Rende inoltre possibile la raccolta di campioni in luoghi difficili da raggiungere, rafforzando la sicurezza dei professionisti coinvolti in questo tipo di compiti. La prossima sfida: proteggere gli oceani. Il progetto Mar 2 per l'automazione del campionamento oceanografico attraverso veicoli senza pilota fa parte del programma 'Soluciones' della Civil Uavs Initiative. In questo contesto, Indra sta lavorando in collaborazione con le società spagnole Seadrone e il Galician Technology Center Aimen ad un progetto che migliorerà la raccolta di dati e campioni nelle acque costiere e oceaniche. Si tratta di una nave con equipaggio opzionale che sarà dotata di un sistema robotizzato per l'acquisizione dei dati e campioni d'acqua, oltre che il loro successivo trattamento. Questo sistema sarà in grado di raccogliere, classificare, etichettare, archiviare e conservare automaticamente tutti i campioni. Grazie ad esso è possibile coprire la sorveglianza di aree marine molto estese e raccogliere informazioni di alta qualità a costi ridotti.