Gas più 'eco' di pellet e legna, ma gli incentivi non premiano

sostenibilita

Gas più 'eco' di pellet e legna, ma gli incentivi non premiano

Arzà (Assogasliquidi), 'Gpl rimedio immediato a emergenza, incentivazione biomasse legnose favorisce diffusione prodotti inquinanti'

09.01.2020 - 19:46

0

Roma, 9 gen. - (Adnkronos) - Per produrre 100 gr di polveri sottili bastano 32 ore di accensione di una caldaia 4 stelle alimentata a pellet (solo 7 se l’impianto è alimentato a legna) rispetto a circa 46.000 ore di utilizzo di una caldaia alimentata a gas o 20.000 km percorsi da una vettura Euro 5 a benzina. Lo rileva lo “Studio comparativo sulle emissioni da apparecchi a gas, Gpl, gasolio e pellet ed effetto dell’invecchiamento”, condotto da Innovhub–Stazioni Sperimentali per l’Industria.

Secondo la ricerca, stufe a 3 o 4 stelle - che si possono acquistare contando su incentivi pubblici e per le quali non sono previste verifiche obbligatorie periodiche - producono rilevanti emissioni di particolato con un incremento progressivo di due ordini di grandezza (ossia centinaia di volte maggiore) nelle emissioni, passando dai combustibili gassosi al pellet; e di un ulteriore ordine di grandezza (ossia migliaia di volte maggiore) passando dal pellet alla legna.

Per combattere l'inquinamento nelle nostre città, dunque, servono non solo una strategia di medio-lungo periodo e la sensibilizzazione dei cittadini, ma anche un’attenta revisione del sistema degli incentivi pubblici per premiare le soluzioni che contrastano le emissioni di polveri sottili.

"Sul fronte traffico, i dati mostrano con evidenza gli enormi vantaggi del Gpl rispetto alle altre fonti fossili. Andrebbe incoraggiato sempre di più l’acquisto di auto che utilizzano questa fonte o la conversione di vecchie auto a benzina. Rispetto al settore domestico, i combustibili gassosi (gas naturale e Gpl) possono dare un grande contributo al Paese per il raggiungimento degli obiettivi di riduzione dell’inquinamento atmosferico. In entrambi i casi, quindi, il Gpl può essere un rimedio immediato rispetto all’emergenza che ci troviamo ad affrontare, e accompagnare il lungo processo di transizione energetica", spiega Andrea Arzà, presidente Assogasliquidi Federchimica.

Per Arzà, vanno "rapidamente rivisti gli strumenti di incentivazione delle biomasse legnose impiegate negli impianti singoli utilizzati per il riscaldamento domestico, perché favoriscono la diffusione di prodotti altamente inquinanti. È inoltre necessario prevedere appositi controlli di manutenzione per gli impianti e il divieto di utilizzo degli stessi nel caso di sforamento dei limiti emissivi delle polveri, laddove l’abitazione sia servita da un altro sistema di riscaldamento”, conclude.

Gli alti valori di particolato atmosferico rappresentano la prima minaccia in Italia e in Europa per la salute e incidono sulla qualità della vita delle giovani generazioni. Secondo l’ultimo rapporto dell’European Environmental Agency dello scorso novembre infatti il PM2,5 è stato il responsabile primario di 58.600 morti premature in Italia nel 2016, al secondo posto a livello europeo dopo la Germania.

Gli accordi siglati dal ministero dell’Ambiente con le Regioni come l’adozione coordinata e congiunta di misure per il miglioramento della qualità dell’aria nel Bacino Padano per Assogasliquidi "rappresentano sicuramente passi avanti rispetto al passato, con misure coordinate per limitare le emissioni. Rimangono però forti perplessità soprattutto sul fronte del riscaldamento domestico, che ha il maggiore impatto sulle emissioni di PM2,5 e PM10".

E' infatti ancora incoraggiata la combustione di biomasse, pellet e legna, attraverso l’utilizzo di singoli impianti di riscaldamento domestico "di scadente qualità ambientale, ai quali si aggiunge una scarsa (se non assente) manutenzione. Questa fonte energetica è cresciuta del 115% negli ultimi 15 anni", fa sapere l’Associazione di Federchimica che rappresenta le imprese del comparto distribuzione gas liquefatti (Gpl e Gnl) per uso combustione e autotrazione e le imprese che costruiscono attrezzature e impianti o che forniscono servizi attinenti al settore. Nell’accordo con le regioni del Bacino Padano si vieta l’installazione di nuove stufe a tre stelle ma si consente l’utilizzo di quelle già esistenti.

Secondo lo “Studio comparativo sulle emissioni da apparecchi a gas, Gpl, gasolio e pellet ed effetto dell’invecchiamento”, condotto da Innovhub–Stazioni Sperimentali per l’Industria, stufe a tre o quattro stelle che si possono acquistare contando su incentivi pubblici, e per le quali non sono previste verifiche obbligatorie periodiche, producono rilevanti emissioni di particolato con un incremento progressivo di due ordini di grandezza (ossia centinaia di volte maggiore) nelle emissioni, passando dai combustibili gassosi al pellet; e di un ulteriore ordine di grandezza - ossia migliaia di volte maggiore - passando dal pellet alla legna.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Video Fedez tutto cuore per Chiara Ferragni e il piccolo Leone:  il pomeriggio casalingo dei Ferragnez
Social

Video Fedez tutto cuore per Chiara Ferragni e il piccolo Leone: il pomeriggio casalingo dei Ferragnez

Fedez tutto cuore per Chiara Ferragni e il piccolo Leone. Sabato pomeriggio casalingo per la famiglia più invidiata del momento. Su Instagram mamma e papà uniti come mai insieme al figlio che a marzo compirà due anni. Biondissimo e dolcissimo. Effetti speciali con tanti cuori rosa a coronare  la storia che sta facendo sognare milioni di follower in tutto il mondo. “Come abbiamo fatto a mettere al ...

 
Video Gianluca Vacchi, la fidanzata Sharon Fonseca  tra dieta e palestra. Ma alla fine sceglie la pasta
Social

Video Gianluca Vacchi, la fidanzata Sharon Fonseca tra dieta e palestra. Ma alla fine sceglie la pasta

Gianluca Vacchi, la fidanzata Sharon Fonseca si divide tra dieta e palestra ma alla fine sceglie la pasta. Su Instagram la bellissima modella venezuelana, che da poco ha compiuto 27 anni, si mostra sorridente in tenuta sportiva e alle prese con piatti rigorosamente attenti alle calorie. Ma alla fine si lascia andare e si gusta un bel piatto di pasta. Quello tra il ricco imprenditore italiano e la ...

 
Video Michelle Hunziker, compleanno con pigiama party esclusivo. Famiglia, amici e 2000 rose per i 43 anni
Social

Video Michelle Hunziker, compleanno con pigiama party esclusivo e 2000 rose

Il sogno di Michelle Hunziker? Quello di fare un pigiama party. La showgirl, modella e presentatrice televisiva, l'ha coronato nella serata del 24 gennaio, organizzando una festa in occasione del suo compleanno. Michelle, infatti, è nata in Svizzera il 24 gennaio 1977 e quindi ha compiuto 43 anni. Ovviamente il tutto in una location d'eccezione, Borgo Eibn, "lodge esclusivi nel cuore selvaggio ...

 
Coronavirus in Cina, ospedale di Wuhan preso d'assalto: 41 morti, oltre 1.400 contagiati
allarme

Video Coronavirus in Cina, ospedale di Wuhan preso d'assalto: 41 morti, oltre 1.400 contagiati

L'epidemia causata dal coronavirus in Cina si sta diffondendo in maniera clamorosa e allarmante. I morti accertati sono 41 e le persone contagiate hanno superato quota 1.400. In questo video vengono documentate le scene di panico che si verificano all'ospedale di Wuhan, metropoli di 11 milioni di abitanti individuata come focolaio dell’epidemia. I pazienti preoccupati hanno preso d’assalto il ...

 
Video Michelle Hunziker, compleanno con pigiama party esclusivo. Famiglia, amici e 2000 rose per i 43 anni

Social

Video Michelle Hunziker, compleanno con pigiama party esclusivo e 2000 rose

Il sogno di Michelle Hunziker? Quello di fare un pigiama party. La showgirl, modella e presentatrice televisiva, l'ha coronato nella serata del 24 gennaio, organizzando una ...

25.01.2020

Il Cantante Mascherato, ecco i vip che si nascondono dietro le cinque maschere in gara: le indiscrezioni

Televisione

Il Cantante Mascherato, ecco i vip che si nascondono dietro le cinque maschere in gara: le indiscrezioni

Il Cantante mascherato, ecco chi si nasconde dietro le cinque maschere rimaste in gara nel seguitissimo programma di Rai1. Per approfondire leggi anche: Svelata l'identità ...

25.01.2020

Video Cecilia Rodriguez si confessa: "Da Ignazio Moser voglio minimo tre figli. Devo mettermi al lavoro?"

Social

Video Cecilia Rodriguez si confessa: "Da Ignazio Moser voglio minimo tre figli. Devo mettermi al lavoro?"

Cecilia Rodriguez, showgirl, modella e presentatrice tv, sorella della più famosa Belen, vorrebbe tre figli. Lo confessa lei stessa su Instagram rispondendo ad una delle ...

25.01.2020