Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Fara in Sabina, Cuneo propone un protocollo alle scuole per il rientro in classe in sicurezza

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Fara in Sabina, Cuneo propone un protocollo alle scuole per il rientro in classe in sicurezza Da una parte le aule della politica farense affrontano quello che, per molti, è il momento decisivo della maggioranza guidata dal sindaco Davide Basilicata; dall'altra l'azione amministrativa, seppure con tutte le difficoltà del caso, va avanti. Ed è in questo contesto che si inseriscono le due mozioni di “proposta” presentate all'ultima conferenza dei capigruppo da Roberta Cuneo, leader di “Fara 3.0”, che ha posto all'attenzione del primo cittadino una serie di iniziativa per la ripresa dell'anno scolastico, il prossimo settembre. Per approfondire leggi anche: Pronto piano per far cadere Basilicata: dimissioni in massa L'obiettivo è quello di consentire agli studenti il rientro in classe in totale sicurezza, secondo i dettami posti dal Legislatore nazionale, attraverso il Ministero della Pubblica Istruzione, che porrà norme e paletti da seguire per garantire il distanziamento sociale e la protezione degli alunni di elementari e medie (queste le classi di scuola di competenza comunale, infanzia a parte, ndr). A tal proposito il gruppo di Roberta Cuneo presenta un piano in quattro punti, che impegna l'amministrazione comunale a “sottoscrivere con le istituzioni Scolastiche un protocollo con diversificazione dell'inizio orario lezioni scolastiche – si legge nella mozione di Fara 3.0 - ad individuare entro il 30 di giugno tutte le strutture pubbliche o private disponibili ad accogliere gruppi di studenti; a formulare entro il 30 di luglio di un protocollo relativo alle modalità con cui dovrà essere erogato il servizio di refezione scolastica sulla base delle indicazioni Ministeriali; a formulare altresì un cronoprogramma relativo ai lavori da promuovere per garantire il collegamento wifi e le reti nelle scuole”. Non solo attività didattica. In una seconda, distinta mozione viene posta all'attenzione del sindaco Basilicata l'istituzione di un bonus una tantum destinato alle attività commerciali del territorio, attraverso l'istituzione di un “fondo destinato ad erogare un sostegno economico per le attività commerciali e produttive in locazione”. Paolo Giomi