Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Reddito di cittadinanza: nel Reatino interessate 5 mila famiglie

Esplora:

Monica Puliti
  • a
  • a
  • a

Sarebbero 5.100, il 7.2% del totale, le famiglie residenti in provincia di Rieti che avrebbero diritto al reddito di cittadinanza. Si tratta naturalmente di una stima, non ufficiale, ma comunque proveniente da un'autorevole fonte: l'ufficio studi del Sole 24 Ore, che ha pubblicato i dati ieri mattina dopo aver esaminato le informazioni statistiche monitorate dal ministero del lavoro. La stima è stata effettuata in pratica sulla base del cosiddetto Isee, quello ordinario, e ovviamente sono state prese in considerazioni le certificazioni fino a 9mila euro l'anno. E' questa infatti la soglia prevista, secondo quanto messo a punto dai tecnici del governo su proposta del Movimento 5 Stelle, per accedere al contributo. A voler essere precisi si parla di 9.360 euro. Il Sole 24 Ore ha fornito una panoramica generale a livello nazionale, dalla quale risulta, come era immaginabile, che le famiglie più bisognose si concentrano soprattutto nelle regioni del Sud. In particolare, in provincia di Crotone più di una famiglia su quattro (il 27.9%) ha un Isee così basso da rientrare nel reddito di cittadinanza. A Napoli, Palermo e Caltanissetta una su cinque.  Al Nord la situazione migliora, e anche di molto. Quindi, si trova ad esempio Bolzano dove solo una famiglia su 40 avrebbe i requisiti richiesti per accedere al beneficio, a Belluno e Sondrio una su 30. Gli Isee presi in considerazione sono quelli presentati nel 2016, gli unici sui quali sono stati estrapolati dati macroenomici in grado di fornire una proiezione di quello che accadrà nel momento in cui la misura del governo giallo-verde entrerà in vigore. Dal 2016 ad oggi possono quindi essere sopraggiunte della variazioni, in ogni caso non dovrebbero essere tali da comportare un ribaltamento dei dati. Sarà interessante verificare, nelle prossime settimane, quali sono le zone del Reatino più interessate dal provvedimento, posto che l'indice di produttività varia anche sensibilmente da zona a zona della provincia.