Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bike sharing, un flop il servizio di noleggio bici in città

Monica Puliti
  • a
  • a
  • a

Un servizio da ristudiare e da riorganizzare in toto. E' il bike sharing, mai decollato e praticamente mai utilizzato a Rieti. Un vero e proprio flop se si pensa che, questo servizio, finanziato in passato dalla Regione Lazio per circa 55mila euro, nell'arco di tredici mesi, e precisamente dal giugno 2016 al luglio 2017, ha fatto incassare solamente 235 euro (il costo per il noleggio di una biciletta per un giorno è di 5 euro, per una settimana di 25). Una cifra a dir poco esigua che ha portato allo studio dell'individuazione dei problemi da parte dell'attuale assessore all'ambiente, Claudio Valentini: “innanzitutto è stato sempre gestito male – spiega – a cominciare dalla scelta dell'ubicazione delle location nelle quali è possibile noleggiare le biciclette. Non è stato intelligente, secondo me, posizionare i mezzi in prossimità di posti auto a pagamento poiché costringeva il cittadino a pagare la sosta per l'auto e poi il noleggio della bici”. Ora, dal Ministero dell'Ambiente, è stato finanziato un progetto, “A scuola ci andiamo da soli” per la mobilità sostenibile , del quale il Comune di Rieti è ente capofila, della durata di tre anni, proposto dal CNR e dall'amministrazione regionale, con la partecipazione di quella comunale. Il budget stanziato, nella sua totalità e per i diversi soggetti partecipanti, è di circa 1,7 milioni di euro, di cui il 35% per opere pubbliche. Il Comune di Rieti partecipa attraverso un cofinanziamento di 222mila euro per interventi su alcuni tratti di pista ciclabile nonché la messa in sicurezza del percorso che dal centro della città e nei pressi della caserma della Guardia di Finanza, porta al polo didattico. Nel finanziamento sono inclusi 70mila euro destinati proprio al bike sharing. Ed è per questo che l'assessore sta pensando ed è già al lavoro per ristudiare questo servizio affinché diventi finalmente fruibile per i cittadini. “La scelta giusta sarebbe quella di posizionare le bicilette in prossimità di posti auto gratuiti o delle piste ciclabili – dice – e aumentare il numero di postazioni. Piazza Cavour o piazza Bachelet non sono certo luoghi adatti per piazzare le biciclette poiché in prossimità delle strisce blu”. Il problema è anche che a Rieti manca la cultura dello spostarsi in bicicletta, pur essendo una città a grandezza d'uomo. Il servizio per ora è sospeso ma con questo finanziamento si rimetterà in funzione completamente rivisto. Un servizio che dovrà però anche essere mantenuto visto che non sono mancate le segnalazioni di cittadini che lamentavano mezzi pieni di ruggine e addirittura con gomme a terra. Ilaria Faraone