Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Manca personale all'ufficio turistico e Cicchetti s'improvvisa guida

Monica Puliti
  • a
  • a
  • a

Il personale scarseggia? Quel poco che c'è va in ferie o in malattia? Niente paura, a fare accoglienza ai turisti nel weekend pasquale ci pensano il sindaco e i suoi più stretti collaboratori. E' quello che è accaduto, davvero, nel capoluogo sabino tra venerdì e sabato quando dietro al bancone dell'ufficio turistico di Piazza Vittorio Emanuele II i turisti si sono visti ricevere da un signore in giacca e cravatta vestito di grigio, da un suo collega più casual con maglioncino panna e da un altro giovanotto un po' divertito. Tre dipendenti? Macché, erano il sindaco Antonio Cicchetti, il suo più fidato consigliere comunale, Stefano Eleuteri, e il vicesindaco 'nuova generazione' Daniele Sinibaldi. Armati di brochure, dépliant e buona volontà i tre - poi raggiunti nel corso delle due giornate da altri assessori e consiglieri, come Oreste De Santis - hanno risposto alle richieste dei turisti, cercando di fare il loro meglio. O, si potrebbe dire, di necessità virtù. "Ma que sta a fa' lu sindacu?" si domandavano i pochi reatini che nella giornata di sabato si trovavano a passare sotto i portici comunali. "Ci siamo adattati a fare anche questo servizio - rispondeva sorridente Cicchetti - non potevamo rischiare di tenere chiuso l'ufficio, altrimenti è inutile parlare di città turistica".  Magari questi concetti sarebbe da spiegarli anche a quei locali, bar e ristoranti, che hanno scelto di rimanere chiusi nei giorni di festa, alla faccia dei turisti che giravano in città. Ma questa è storia vecchia e poco ha a che fare con le amministrazioni che si susseguono, di qualsiasi colore politico. Ma non contento e incurante della pioggia, il sindaco, dopo aver fornito tutte le informazioni del caso, è andato oltre e ha pensato di accompagnare lui stesso, a piedi, un gruppo di turisti provenienti da Lecce al santuario di Fonte Colombo.  I quali, dopo la foto ricordo sotto i porti di Palazzo di Città, si sono incamminati verso i luoghi di Francesco. Marco Fuggetta