Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Rieti-Torano: si torna al progetto della galleria

Esplora:

Monica Puliti
  • a
  • a
  • a

Sulla Rieti-Torano si ricomincia ma forse non da zero. Dopo l'annunciato no del Comune di Rieti al cosiddetto "tracciato delle rotatorie" - ufficializzato in Conferenza dei servizi ma già ampiamente atteso visto che il nuovo sindaco Antonio Cicchetti l'aveva promesso sin dall'insediamento - adesso si ragiona su come completare un'opera fra le più fondamentali. E non soltanto per il territorio reatino, visto che fa parte della più lunga e strategica dorsale appenninica che rischia, al momento, di interrompersi proprio nella nostra area, considerato che gli altri tratti sono già completati o stanno andando verso il completamento. Messo da parte il tracciato delle rotatorie, adesso la Regione, di concerto con la Provincia di Rieti e Astral, dovrà individuare una nuova soluzione che possa ottenere il consenso dei principali attori della vicenda, cioè Comune di Rieti e Comune di Cittaducale. La 'diplomazia' tra i due Enti pare si sia già messa in moto. L'ipotesi su cui si starebbe lavorando e su cui potrebbe partire lo studio di fattibilità e la successiva progettazione da portare all'attenzione di una nuova Conferenza dei servizi è quella che abbandona l'idea del viadotto e dell'uscita a Casapenta, ma torna al modello di collegamento di questo ultimo tratto della Rieti-Torano con l'esistente variante del Nucleo industriale, alle porte della città. Sostanzialmente, quindi, si starebbe tornando all'idea di passare per Ponte Figoreto e Madonna dei Balzi, il che comporterebbe però la costruzione di una galleria di circa 900 metri che potrebbe far lievitare i costi rispetto ai fondi disponibili da anni presso il bilancio della Regione. "Innanzitutto c'è il dato oggettivo che passare nella vallata sarebbe complicato per la presenza di un Sic (vincolo ambientale europeo, ndr) e di una particolare conformazione geologica dell'area - dice il delegato all'attuazione del programma del Comune di Rieti, Stefano Eleuteri - Di certo la soluzione per una strada così importante non poteva essere quella delle rotatorie, quindi adesso c'è bisogno di un accordo stretto tra noi e il Comune di Cittaducale dal quale ho avuto già le prime disponibilità. Ora sta alla parte tecnica farci capire soprattutto i costi di quello che stiamo pensando. Aspettiamo una proposta dalla Regione con la consapevolezza che questa opera vada completata con la massima celerità". Marco Fuggetta