Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, l'area camper in via Fonte Cottorella nel degrado

Monica Puliti
  • a
  • a
  • a

La promozione turistica andrebbe tradotta in azioni concrete, possibilmente seguendo un disegno di ciò che si vuole realizzare per la città partendo da un’analisi di ciò che abbiamo per “confezionarlo” e “venderlo” nel miglior modo possibile. E la promozione passa anche e soprattutto attraverso l’organizzazione di servizi che possano essere fruiti al meglio da parte di chi sceglie di venire a Rieti. Come, ad esempio, andrebbe attrezzata l’area camper in via Fonte Cottorella, una piccola area sosta all’ingresso della città per chi provenga dalla provinciale Turanense o dalla Salaria per Roma, in grado di accogliere una quindicina di roulotte. Un settore turistico, quello dei campeggiatori, che ben si sposa con le peculiarità del nostro territorio e che andrebbe organizzato e potenziato anche, ma non solo, in vista di eventi come l’800esimo anniversario dalla morte di San Francesco, solo per fare un esempio che potrebbero essere cento altri. Però l’area di via Fonte Cottorella non è attrezzata per le esigenze di chi sceglie di venire con il camper, tutt’altro: la manutenzione del verde – completamente incolto -, della segnaletica – quella verticale giace a terra - e dei servizi non c’è offrendo un’immagine di abbandono che tiene lontani, a parte qualche eccezione, i camperisti. Mentre, come detto, questa offerta ricettiva andrebbe migliorata e ampliata per favorire un aumento di arrivi e presenze legate al turismo itinerante che ogni anno, in Italia, muove 250 mila mezzi. Il problema della inadeguatezza delle aree sosta per i camper investe anche Terminillo dove questa estate non sono mancate polemiche per via dell’occupazione da parte dei camperisti – che evidentemente non hanno spazi adeguati in cui fermarsi – di posti auto, come nel caso del parcheggio nel piazzale Tre Faggi. La questione è stata al centro di un recente incontro tra l’assessore al Turismo della giunta ombra, Riccardo Di Genova, e l’assessore comunale Chiara Mestichelli alla quale sono state rappresentate le criticità legate al mondo del turismo itinerante e chiesto un intervento di bonifica e manutenzione straordinaria del punto sosta di via Fonte Cottorella. “La struttura – dice Di Genova -, che da tempo versa in condizioni precarie, non è assolutamente adeguata a ricevere degnamente ospiti e, soprattutto, taglia città e provincia fuori dagli itinerari classici del ‘viaggiare in libertà’”. Un incontro definito “proficuo e incoraggiante”, nel corso del quale, conclude Di Genova, “si è convenuto sulla necessità di gettare le basi concreti per lo sviluppo turistico di un territorio dalle enormi potenzialità, ma ancora troppo lontano dalle regioni limitrofe che possono rappresentare un importante modello di riferimento”.