Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, diritto allo studio: arrivano quasi 900 mila euro

Marco Staffiero
  • a
  • a
  • a

La dispersione scolastica si combatte anche eliminando la povertà per riaffermare il diritto allo studio. E’ stato approvato in questi giorni e pubblicato sul bollettino ufficiale della Regione Lazio, il Piano annuale degli interventi per il diritto allo studio, per l’anno scolastico 2022/23, con un intervento economico di 8.100.000 euro. In base al parametro storico di riferimento, il contributo economico è stato diviso per i singoli territori. Per la provincia di Rieti l’11,%. Del totale della ripartizione, stando alle percentuali, al territorio reatino andranno 891.000 mila euro. Tale piano promuove gli interventi finalizzati a rendere effettivo il diritto allo studio e a rimuovere gli ostacoli di ordine economico e socio-culturale che limitano la frequenza e impediscono l’assolvimento dell’obbligo scolastico in coerenza con le priorità fissate dalla strategia di Europa 2020 e con le nuove priorità identificate dal Consiglio e dalla Commissione dell’Unione Europea nella relazione congiunta del 23 novembre 2015, riconducibili al miglioramento delle competenze e delle prospettive occupazionali, alla creazione di contesti di apprendimento aperti, innovativi e digitali e alla valorizzazione dei principi fondamentali dell'uguaglianza, della non discriminazione e della cittadinanza attiva. Nella delibera approvata, a pagina 8 si legge, che nell’eventualità che si verifichi un peggioramento dell’emergenza sanitaria tale da comportare nuovamente la sostituzione della didattica in presenza con quella a distanza il contributo assegnato potrà essere utilizzato dai Comuni per l’acquisto di materiali e servizi idonei a garantire la didattica a distanza in favore di istituzioni scolastiche o utenti che ne siano sprovvisti. Ciascun Comune dovrà redigere il rendiconto delle spese sostenute per le attività svolte in materia di diritto allo studio sulla base di apposita modulistica e secondo criteri stabiliti da una successiva circolare regionale. Nella provincia di Rieti quest’anno sono presenti 18.510 studenti, di questi 2536 sono per l’infanzia, 5225 per la primaria, 3668 per le scuole medie e 7081 gli studenti delle scuole superiori. Il dato preoccupante, riportato ieri dal Corriere di Rieti riguarda la dispersione scolastica, dove nell’anno 2021/2022 160 studenti hanno abbandonato gli studi. “Un intervento importante – ha commentato il presidente della provincia di Rieti, Mariano Calisse – indirizzato al diritto allo studio. Ma occorre creare degli strumenti importanti per contrastare l’aumento della dispersione scolastica nel territorio. Fenomeno che aumenta di anno in anno”.