Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Monterotondo, nuovi cestini in centro per la raccolta differenziata

Matteo Torrioli
  • a
  • a
  • a

Circa 80mila euro, in buona parte finanziata da Città Metropolitana di Roma Capitale, per acquistare cestini per la raccolta differenziata e delle deiezioni canine nel centro storico di Monterotondo. Il comune eretino ha ottenuto un finanziamento dall'ex provincia per installare, lungo le vie del borgo, i “cestini tripartiti”, ovvero cestini da strada dove, però, si possono conferire i rifiuti in maniera differenziata. I cestini, anche per avere il parere positivo da parte della Sovrintendenza del Paesaggio, saranno realizzati in ghisa o acciaio zincato.I cestini saranno installati anche in altre zone della città insieme, ovviamente, a quelli per le deiezioni canine. Questi, tra l'altro, sono più che mai necessari visti, spesso e volentieri, i marciapiedi di Monterotondo sono un ultimi campo minato di escrementi, soprattutto a causa degli incivili padroni dei cani. La maggior parte degli sforzi, però, verrà fatta nel centro storico. Come si legge nel progetto, la parte vecchia della città conta 2.000 abitanti in circa 7 ettari di territorio, “sviluppa quindi il più alto indice di densità abitativa e contiene al suo interno, come una piccola città, tutti i servizi di cui necessita una persona, che siano attività commerciali, o servizi privati di tipo bancario o pubblico, come scuole piuttosto in prossimità, Comune di Monterotondo”. Anche il centro storico, così come le altre zone della città, è interessato dalla raccolta differenziata che, però, avviene grazie a due isole ecologiche. Per mantenere la pulizia e il decoro, però, ci si è resi conto della necessità di “sostenere e accompagnare la cittadinanza verso l'acquisizione di una diversa cultura legata alla produzione e gestione dei rifiuti domestici”. Per questo, insieme all'installazione dei nuovi cestini, verrà avanti anche una campagna di comunicazione per avere nella cittadinanza una portata maggiore del contributo che ognuno può portare nella propria comunità, attraverso stili di vita e comportamenti più responsabili.