Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, bufera a Fara in Sabina. Salta l'incontro sul piano di rientro. Minoranza: "Comune nel caos"

Paolo Giomi
  • a
  • a
  • a

E’ autentica bufera sull’incontro, anche se sarebbe meglio dire “non incontro”, che martedì scorso avrebbe dovuto mettere di fronte amministrazione comunale, tecnici e minoranze per affrontare la delicata e spinosa vicenda relativa alla mancata ratifica delle modifiche al piano di rientro straordinario da parte della Corte dei Conti. E che invece ha creato una profonda frattura, l’ennesima, tra le parti.

 

Nella ricostruzione dei fatti racchiusa in un comunicato congiunto, i consiglieri di Fara Merita (Vincenzo Mazzeo, Lara Scipioni e Franco Cipriani), Il Ponte (Daniela Simonetti) e Noi Fara (Marco Marinangeli) denunciano come “l’amministrazione sia nel caos più totale, trascinando a fondo gli uffici, che vengono lasciati allo sbando. Come opposizioni unite, avevamo chiesto ufficialmente un incontro con la responsabile dell’ufficio finanziario ed il segretario comunale per discutere della grave vicenda riguardante l’ordinanza della Corte dei Conti. Nonostante abbiamo il diritto di recarci all’interno degli uffici in ogni momento, abbiamo, per forte senso istituzionale, avvisato prima della nostra presenza. La risposta dell’amministrazione è stata vergognosa: prima ci hanno detto che la sindaca non era disponibile, nonostante noi non ne avessimo chiesto la presenza, poi, dopo aver informato gli uffici che saremmo comunque andati, solo 20 minuti prima dell’appuntamento ci è stato detto che la responsabile del settore si era dovuta assentare per ‘sopraggiunti motivi personali’ e che ci avrebbe fatto sapere quando sarebbe stata disponibile per un nuovo appuntamento. Come responsabili dei 3 gruppi di opposizione, ci siamo ugualmente recati in Comune, e siamo stati cacciati in malo modo e con nervosismo dal segretario generale, evidentemente affaccendato in altre questioni visto il materiale elettorale della sindaca sulla sua scrivania."

 

"Appare evidente – proseguono i consiglieri - che i membri dell’amministrazione siano scappati, abbandonando al loro destino i responsabili degli uffici".

 

ARTICOLO COMPLETO SUL CORRIERE DI RIETI DEL 19 SETTEMBRE (Edicola digitale)