Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, ladri in azione. Furto nella notte al bar di Passo Corese

Paolo Giomi
  • a
  • a
  • a

Hanno forzato un ingresso laterale, approfittando del buio della notte e del lampione rotto proprio per diminuire la visibilità lungo la strada, via Antonio Gramsci, che nonostante l’ora tarda resta una delle principali arterie di transito di tutto Passo Corese. E una volta entrati dentro hanno arraffato tutto ciò che si poteva arraffare, dai tabacchi ai biglietti del “Gratta e Vinci”; il colpo sembrava andare a gonfie vele, almeno fino a quando sul posto non sono giunti i carabinieri della compagnia di Poggio Mirteto, che per un pelo non hanno colto in flagranza i malviventi. I quali, d’improvviso, si sono dati alla fuga, approfittando di un buco lungo la recinzione posta sull’altro lato della strada, e dileguandosi nei campi che costeggiano il fosso Corese e la statale Salaria. Abbandonando sul posto anche un’auto, che a seguito di un’indagine successiva risulterà poi essere rubata anche lei.

 

Secondo le prime ricostruzioni, sembra anche che un militare, incontratosi di fronte i ladri, sia stato addirittura colpito da uno di loro, nonostante questa notizia non sia stata poi né confermata né smentita nelle ore successive. Gli accertamenti sono durati per tutta la mattinata di ieri, 16 settembre, con l’ausilio di ulteriori pattuglie dei carabinieri giunte dal nucleo investigativo della compagnia di Poggio Mirteto e dalla stazione di Passo Corese, che hanno cercato di ricostruire l’esatta dinamica dei fatti. In fase di valutazione anche l’entità del bottino, che non è stata ancora resa nota. Certo è che il colpo messo a segno nei locali del bar “Alberto e Viviana”, che però a Fara Sabina tutti conoscono come “Bar da Pietro”, storica attività commerciale situata lungo il vecchio corso della Salaria, ora via Antonio Gramsci, è in qualche modo eclatante per modi e tempi. Modi, perché come detto i malviventi non sembrerebbero essersi spaventati, nonostante la fuga, neppure alla vista delle divise dei militari; tempi, perché il furto è avvenuto poco prima delle 4 e 30 del mattino, orario in cui solitamente il bar apre al pubblico, primissima attività di tutto l’abitato di Passo Corese a tirare su le saracinesche.

 

Il che, quindi lascia presagire che verosimilmente i banditi conoscessero gli orari dell’attività. Giunti sul posto, i ladri hanno rotto un lampione per diminuire l’intensità dell’illuminazione lungo la strada, quindi si sono intrufolati nei locali dell’esercizio commerciale attraverso un ingresso laterale. Una volta all’interno hanno preso tutto ciò che è stato ritenuto di valore, dal momento che, verosimilmente, la cassa del bar fosse stata svuotata dagli esercenti al momento della chiusura. Le indagini da parte dei carabinieri della Compagnia di Poggio Mirteto sono ancora in corso.