Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, nubifragi e allagamenti in città. Escursionisti spagnoli salvati nelle Gole del Farfa

L.S.
  • a
  • a
  • a

Tre escursionisti spagnoli, due adulti un bambino, sono stati tratti in salvo nel tardo pomeriggio dopo che avevano chiesto soccorso per aver smarrito il sentiero che stavano percorrendo all'interno delle Gole del Farfa, nel Comuine di Castelnuovo di Farfa. I tre sono stati sorpresi dal violento nubifragio e impossibilitati a proseguire anche a causa del livello del fiume che si stava alzando a causa del temporale. Il vento e la grandine hanno fatto il resto.  Le ricerche sono subito scattate e grazie all’intervento dei vigili del fuoco sono stati trovati. Particolarmente provato il bambino per il quale si è reso necessario l’intervento di un’ambulanza del 118 che ha provveduto a prestare le prime cure ai tre e a trasferirli all’ospedale De Lellis per ulteriori accertamenti.

 


E per i vigili del fuoco è stata un’altra giornata difficile con decine di telefonate con richieste di soccorso giunte al centralino del comando di via Sacchetti Sassetti. In città, così come in provincia e in Sabina in particolare, si sono avuti allagamenti di strade e abitazioni, alberi caduti e smottamenti. Disagi anche in città con strade e sottopassi allagati.

 

“Ancora una volta, un temporale come tanti, crea migliaia di euro di danni ai reatini, a causa dei continui allagamenti - ha fatto sapere il consigliere Alessio Angelucci -. Sono arrivate decine di testimonianze di ambienti domestici completamente invasi dall’acqua, e il motivo è purtroppo il solito: le caditoie stradali sono ostruite e il Comune non provvede. Basta con i nastri tagliati e le passeggiate degli amministratori per raccontare che tutto va bene, servono interventi immediati che rientrano tra l'altro nella normale amministrazione”. Il consigliere Angelucci annuncia di “voler scrivere al Prefetto considerando la latitanza del Comune” invitando i cittadini “a documentare i danni e a chiedere risarcimenti tramite l'ufficio contenzioso del Comune”.