Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, inaugurati Totem digitali e interattivi per raccontare il mondo dell'acqua

Esplora:

Paola Corradini
  • a
  • a
  • a

Inaugurati, nella cornice del Vescovado, i primi tre dei dieci totem interattivi con cui sarà possibile collegarsi al MIA, “Museo Immersivo ACEA”. Il progetto, fortemente voluto dal vescovo Domenico Pompili, è stato presentato dal Sindaco Daniele Sinibaldi, l’Amministratore Delegato di ACEA Giuseppe Gola, il Chief Operating Officer di ACEA Giovanni Papaleo e Maria Gemma Grillotti, Presidente Associazione GecoAgriLandItaly. Il MIA è un portale digitale dedicato ai 110 anni di storia di ACEA dove è possibile, attraverso tour virtuali, ripercorrere le strade dell’acqua. Un’opportunità per permettere a turisti e residenti di scoprire le straordinarie risorse idriche del territorio reatino: fiumi, laghi, cascate, sorgenti, canali, acquedotti, terme. I primi tre totem sono stati installati sotto ai portici del Palazzo Comunale, in piazza Cavour e nella sede operativa del centro “Cuore Blu” presso la Curia  dove ACEA ha allestito la propria sede. In ogni totem un QR code che permetterà all’utente di navigare attraverso la storia e le risorse idriche di Rieti e della provincia, grazie a riprese aeree sul corso dei fiumi, le vallate, la conca reatina, le aree protette, e di fermarsi in numerosi punti di interesse.

 


L'iniziativa rientra nel progetto “Itinerari turistici alla scoperta delle acque d’Italia”, pensato per coniugare scienza, economia e cultura intorno al tema dell’acqua. Proprio nel Reatino ACEA ha realizzato i primi percorsi turistici perché qui si trova una delle sorgenti più grandi d’Europa, il Peschiera-Le Capore, fonte primaria dell’approvvigionamento idrico di Roma e dei comuni del reatino e della bassa Sabina. L’Amministratore Delegato di ACEA Giuseppe Gola ha sottolineato l'importanza “di raccontare il mondo dell'acqua e far riflettere i cittadini sull'importanza della sua tutela. Attraverso questi totem inaugurati a Rieti l'acqua entra al centro di un progetto museale, paesaggistico e culturale. Acea conferma ancora una volta il suo impegno nella gestione di questa preziosa risorsa con un consumo responsabile e sostenibile". Per il sindaco Sinibaldi: “È significativo che questo progetto stia nascendo a Rieti, uno dei territori più ricchi di acqua in Europa, e altrettanto significativo è il fatto che, tra i primi interventi, ci sia quello che che racconta in modo innovativo la risorsa idrica, coniugando informazione e turismo. Rieti ha grandi potenzialità ambientali, paesaggistiche e storiche e siamo lieti di collaborare a questo ambizioso progetto, per il quale ringraziamo tutti i partner e in particolare monsignor Pompili che ci ha lavorato per quattro anni".

 


Ed è proprio il vescovo Domenico ad approfondire anche l'aspetto sociale. “Roma – dice -  è definita la regina delle acque perché è una delle capitali del mondo che può averne di grandissima qualità, ma  questo nostro territorio è la madre delle acque per qualità e quantità. Nasce qui “Cuore blu”,  polo scientifico di eccellenza per rendere l'acqua un diritto per tutti. Auguro che possa diventare una messa a sistema dell'intero parco acquatico che, con il raddoppio del Peschiera messo in campo da Acea, coincida con un'attenzione per un territorio che produce la cosa più preziosa: l'acqua che è la benedizione della terra. Oggi è una delle risorse più soggette all'accaparramento dei potenti che espropriano terre e risorse ambientali costringendo le famiglie contadine alla fame. Dobbiamo ricostruire un rapporto sano tra uomo e ambiente all'insegna dell'equilibrio come suggerisce l'enciclica Laudato Si. L'acqua è fondamentale per la vita dell'uomo e perciò deve sempre, secondo le parole di San Francesco rimanere umile, utile e preziosa”.