Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, piazze Mazzini e Oberdan danneggiate dagli skaters e nel degrado

Monica Puliti
  • a
  • a
  • a

Skaters sì o no in piazza Mazzini, uno dei salotti del centro storico cittadino? Sì perché i ragazzi, correndo in lungo e in largo sulle rotelle dei loro skate, utilizzano le sedute e gli altri arredi in pietra dello spiazzo per le loro acrobazie, danneggiandoli in diversi punti. La loro bellezza è innegabile, come pure l’allegria e i colori che regalano alla piazza, unica area in cui possono davvero correre e divertirsi sulle loro tavole colorate. Ma le conseguenze, qua e là, sono ben visibili. Ci hanno provato, i vecchi amministratori, a realizzare uno skate park a Città Giardino, che portasse i ragazzi a utilizzare quell’area fatta a posta per loro, ma niente: preferiscono di gran lunga gli spazi di piazza Mazzini, perché più funzionali agli skate.

 

 

Le strutture installate nel parco dello sport di via Theseider, inaugurato solo pochi mesi fa, a detta degli stessi ragazzi, non consentono le spinte necessarie e sarebbero più somiglianti a “giochi per bambini” che a un parco vero e proprio per skaters (la zona, a rischio esondazione, non ha permesso di installare attrezzature diverse da quelle scelte), con la conseguenza che gli stessi continuano ad imperversare nella piazza tra gli sguardi, spesso pieni di ammirazione e spesso stizziti, di chi si riposa sulle sedute. Gli angoli e i pezzi di rivestimento in pietra mancanti, però, non sono l’unico neo di un’area che avrebbe bisogno di una manutenzione più costante ed accurata perché, come raccontano le foto scattate ieri mattina, le assi delle sedute in legno sono spesso danneggiate o mancanti. 

 


DEGRADO  La situazione non migliora più su, in piazza Oberdan dove, sotto lo sguardo distratto di Marco Terenzio Varrone, in tanti gettano rifiuti dove capita: sotto le sedute di legno, anche qui danneggiate - o mancanti – al pari delle panchine; nei prati ingialliti dalla siccità e dalla mancanza di un sistema di irrigazione; nelle vasche della fontana, quasi ai piedi della statua, ricettacolo di cicche, fogliame, rifiuti. Speriamo che la situazione venga presa in mano dalla task force contro il degrado, messa in piedi dall’assessore Fabio Nobili insieme ad Asm, per avviare un’azione di pulizia e manutenzione che non risparmi alcun quartiere della città né frazione del territorio comunale. In piazza Mazzini sarebbe inoltre necessario adeguare gli arredi immobili urbani alle esigenze degli skaters affinché questi, mancando altri spazi, possano esprimere al meglio la loro passione senza danneggiare le sedute in pietra e ogni altro bene appartenente alla collettività.