Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti-Torano, si prova ad accelerare per gli ultimi 3,1 km da realizzare

Esplora:

Marco Staffiero
  • a
  • a
  • a

La Rieti –Torano rappresenta una vera e propria opportunità per il territorio, lasciarla incompiuta sarebbe una sconfitta. La storia di questa strada, si collega a tante altre, nel classico delle opere incompiute italiane. L’ultimo tratto che comprende Grotti-Rieti è fermo da circa 10 anni.  A metà dicembre dello scorso anno è stato perfezionato il contratto con i progettisti che permetterà l’avvio definitivo della progettazione del completamento della strada con arrivo a Rieti, partendo proprio dal lotto Grotti-Ville Grotti. Ad oggi comunque è ancora tutto fermo. “La situazione di stallo dura da tempo – ha dichiarato il sindaco di Cittaducale Leonardo Ranalli –. Senza dubbio sarà uno dei primissimi temi che affronteremo con la nuova Giunta appena insediata. Il blocco dei lavori è rappresentato prevalentemente dalla incapacità di trovare un accordo sul tracciato. Ci aspettiamo al più presto di organizzare un tavolo con le varie realtà, per far proseguire i lavori”. 

 


Non è un problema di natura economica, dato che la Regione Lazio finanziò i lavori di tutto il tratto di strada con oltre 30 milioni di euro. Non sono mancati certamente gli intoppi burocratici, dove nell’arco di questi anni la progettazione passò dall’Astral all’Anas, facendo perdere altro ingiustificato tempo.  La stessa provincia si è aperta a qualsiasi posizione purché si finisca l’opera, tenendo sempre presenti anche le posizioni delle comunità locali. I comitati cittadini più volte hanno espresso il loro dissenso per quanto riguardala possibilità di fare passare la strada di collegamento nella località Casette. 

 


Ma anche dall’altra parte non sono mancate manifestazioni di protesta per trovare un’altra alternativa. Si tratta di una “strada extraurbana secondaria” ed in particolare di un segmento di circa 3,1 km. del tratto ancora mancante della strada a scorrimento veloce Rieti-Torano, necessario per superare gli abitati di Grotti e Villa Grotti, nel territorio dei comuni di Rieti e Cittaducale. L’intervento fa parte della cosiddetta “Dorsale Appenninica”, che costituisce a livello interregionale un’asse longitudinale importante, della viabilità secondaria, di supporto al sistema infrastrutturale nazionale. Non mancato le proteste nemmeno sui social, dove sulla pagina facebook “Rieti incompiuta”, l'odissea della Rieti-Torano fu uno dei primi dossier documentati dal gruppo. Gli utenti stessi confermano anni e anni di abbandono. “Tutto ciò è inammissibile e chiama in causa le istituzioni locali, che ancora non hanno preso una posizione sui tracciati proposti”. E ancora, “La Regione sta aspettando una parola chiara da due anni, dopo le giravolte da parte di tanti, che naturalmente non hanno portato a nulla”.