Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Vigili del fuoco, la denuncia della Cisl: "Pochi mezzi per il soccorso antincendio"

L.S.
  • a
  • a
  • a

“Appare ormai una utopia disporre di un adeguato parco automezzi di soccorso al Comando dei Vigili del Fuoco di Rieti. La situazione, infatti, è grave ed insostenibile: non si può più lavorare in queste condizioni”: così il segretario territoriale – FNS Cisl, Massimo Rinaldi. Secondo il sindacalista “sono anni che segnaliamo alla nostra amministrazione il forte ritardo nelle riparazioni dei mezzi e attrezzature dovute a un apparato amministrativo e burocratico troppo lento e non in linea con le necessità del soccorso.

 

 

Al momento in servizio presso vi sono solamente 3 APS (auto pompa serbatoio) il mezzo più usato per interventi di soccorso tecnico urgente, 1 in sede centrale quando invece ne sarebbero previsti 2, uno al distaccamento di Posta e un altro al distaccamento di Poggio Mirteto. Attualmente - continua Rinaldi - cinque mezzi APS ormai da mesi sono fermi presso autofficine n attesa di essere riparati. Quindi in caso di più interventi nello stesso momento, saremmo costretti ad operare con mezzi e attrezzature non idonei o attendere l’arrivo dal più vicino distaccamento, sempre se non impegnato”.

 

 

Ad aggravare il tutto con la stagione estiva in corso, concorre il numero crescente degli interventi per incendio boschi e sterpaglie. “Dal 1 luglio sarà attivata un ulteriore squadra dedicata alla campagna antincendio boschivo con base presso il presidio di Borgo San Pietro di Petrella Salto ma sarà un presidio privo di mezzi specifici idonei perché gli unici che abbiamo sono in riparazione. Una situazione che oltre ad andare a discapito della qualità del servizio, compromette la sicurezza del personale che soprattutto in questo periodo sarà costretto ad operare con un impegnativa turnazione per sopperire alla carenza di personale” conclude Massimo Rinaldi della Cisl Fns.