Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Amatrice, ministro tedesco in visita ai cantieri del terremoto

L.S.
  • a
  • a
  • a

Dalla Germania per fare il punto sulla ricostruzione e soprattutto per verificare l’avanzamento dei lavori del nuovo ospedale Grifoni che ha visto il governo tedesco donare una ingente somma. Amatrice si è ritrovata al centro della solidarietà europea e al centro della ripartenza grazie alla visita del ministro social-democratico (Spd) dell'edilizia abitativa e dello sviluppo urbano Klara Geywitz. Ad accompagnarla il sindaco di Amatrice Giorgio Cortellesi, il commissario alla Ricostruzione Giovanni Legnini, Il sub-commissario alla Ricostruzione Fulvio Soccodato, l’assessore regionale Claudio Di Berardino, il direttore generale della Regione Lazio Wanda D’Ercole e il direttore generale Asl di Rieti Marinella D’Innocenzo. Lo scopo della sua presenza, verificare lo stato dell’arte della ricostruzione di Amatrice e in particolare, l’avanzamento dei lavori dell’ospedale Francesco Grifoni, finanziato dal governo tedesco, assieme a un gruppo di grandi aziende e successivamente, accompagnata dal direttore generale della Asl Marinella D’Innocenzo, il PASS della Asl ha visitato l’area don Minozzi, dove ha incontrato il personale medico ed infermieristico ed alcuni pazienti.

 

“Siamo onorati di questo incontro e ancora una volta grati per la disponibilità del governo tedesco dimostrata già subito dopo il terremoto che ci ha colpiti - ha dichiarato il sindaco Giorgio Cortellesi -. Con la ministra abbiamo approfondito tutte le criticità, ma anche sottolineato la ripresa dei cantieri che abbiamo visto direttamente: l’ospedale, il tunnel su corso Umberto I, il Pass e Casa Futuro. Per quanto riguarda l’ospedale Grifoni, i lavori procedono e con le istituzioni stiamo lavorando tutti insieme, ognuno secondo le proprie competenze e responsabilità, per velocizzare il processo ricostruttivo. Come ha evidenziato pure la ministra, un ospedale, situato in area disagiata e servizi moderni come la telemedicina, confermano l’importanza di unire la ricostruzione e lo sviluppo economico ad un Welfare moderno ed efficiente”. Come si ricorderà all’indomani del terremoto, l’allora cancelliera Angela Merkel, si offrì di contribuire a finanziare la costruzione del nuovo spedale di Amatrice attraverso una donazione di oltre 6 milioni dei 20 previsti.

 

 

Per l’assessore alle Politiche per la Ricostruzione, Claudio Di Berardino “L'intervento, finanziato con i soldi della ricostruzione per circa 20 milioni di euro e con un contributo del governo tedesco di 6 milioni di euro, è in fase di realizzazione. E’ bene ricordare che le stesse difficoltà dovute alla complessità dell'intervento, alla pandemia, al caro prezzi non hanno rallentato più di tanto la tabella di marcia dei lavori. Siamo onorati della presenza di un rappresentante istituzionale di un governo europeo che ha mostrato fin da subito grande sensibilità e vicinanza ai cittadini di Amatrice e dell'Italia contribuendo alla ricostruzione di un edificio così importante per il nostro territorio. Abbiamo anche ricevuto apprezzamento per il lavoro fin qui svolto e per quello che si sta facendo per riportare ad Amatrice le migliori condizioni di vivibilità" conclude l’assessore alle Politiche per la Ricostruzione, Claudio Di Berardino.