Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, code sulla Salaria, Melilli: “Valutare modifiche alla rotatoria di Borgo Santa Maria”

Paolo Giomi
  • a
  • a
  • a

L’ennesimo fine settimana da incubo lungo la statale Salaria, all’altezza del cantiere per la realizzazione del nuovo svincolo di Borgo Santa Maria, al confine tra le province di Roma e Rieti, ha fatto tornare la questione delle modifiche viarie in quel tratto al centro dell’attualità, e dell’infuocato dibattito che divampa nelle piazze reali, e soprattutto virtuali, del territorio. Tanto che le numerose proteste contro lavori che, a detta di una moltitudine di utenti, stanno peggiorando e non migliorando la viabilità della Statale, hanno portato il deputato reatino del Partito democratico, Fabio Melilli, a scrivere una lettera aperta al Commissario straordinario Anas per la riqualificazione della Ss4, Fulvio Soccodato.

 

“Come sai abbiamo, insieme alla Regione, insistito molto negli anni passati perché si realizzasse la rotatoria di Passo Corese al fine di evitare le lunghe code che si formavano a causa del semaforo – scrive Melilli nella sua missiva - l’opera ha realmente migliorato i flussi di traffico, agevolando soprattutto i rientri a Roma nel fine settimana. L’Anas ritenne di programmare altre due rotatorie, a Montelibretti e a Borgo Quinzio-Borgo Santa Maria. Nelle numerose riunioni che abbiamo tenuto al Ministero per accelerare la realizzazione della Salaria a quattro corsie da San Giovanni Reatino a Passo Corese, ho più volte rappresentato la necessità di soprassedere al piano di ammodernamento della Salaria, visto che si accelerava la realizzazione della nuova viabilità".

 

"L’Anas ha condiviso le mie preoccupazioni per il tratto Rieti-Ponte Buita – ricorda il parlamentare Dem - ed ha invece ritenuto, ancor prima della tua nomina a commissario, di insistere nella realizzazione di opere di miglioramento nel tratto Osteria Nuova-Passo Corese e nell’intervento sulla galleria di San Giovanni Reatino. Ora, al di là di tutto ciò, è veramente paradossale comunque che la realizzazione della angusta rotatoria di Borgo Santa Maria, invece di migliorare il transito lo rallenti, vanificando il prezioso lavoro della rotatoria di Passo Corese. Tutto ciò – spiega ancora Melilli - viene quotidianamente denunciato soprattutto dai pendolari che frequentano quel tratto per recarsi o tornare dal lavoro. Ti prego di occuparti della questione, al fine di individuare tutte le soluzioni possibili, anche di modifica dell’opera, utilizzando tutti gli strumenti a tua disposizione. Sarà mia cura nei prossimi giorni evidenziare il problema anche ai vertici dell’Anas”.