Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Monterotondo, una torta per ricordare mamma Valentina morta a Rigopiano

Matteo Torrioli
  • a
  • a
  • a

Una torta alla frutta, “La Valentina”, con tutti i suoi ingredienti preferiti, e con una stella di zucchero, com’era ed è lei, per ricordare la mamma vittima della tragedia di Rigopiano nella giornata in cui si festeggiano tutte le mamme, domenica 8 maggio. Gaia Matrone, figlia di Giampaolo, il pasticcere monterotondese sopravvissuto per 62 ore sotto la neve a Rigopiano nel gennaio 2017, ha deciso di dedicare una torta alla mamma Valentina Cicioni, deceduta a soli 32 anni a causa della valanga che ha distrutto l’hotel di Farindola.

 

“Quest’anno ho pensato di dedicare a mamma una torta, che si chiamerà “La Valentina”, una torta speciale come lei” spiega Gaia, che oggi ha dieci anni (all’epoca del disastro ne aveva appena cinque) nel toccante video realizzato e diffuso nella circostanza. Un’idea originale ma per lei quasi “naturale”, frequentando praticamente ogni giorno o quasi la pasticceria di famiglia, “La Deliziosa” a Monterotondo. E così la bimba ha subito messo al lavoro il papà e lo zio Marco che, dal giorno dell’incidente, si occupa prevalentemente dell’attività di confezionamento dei dolci dato che il fratello e socio Giampaolo, avendo riportato pesanti traumi a un braccio, non è più in grado di svolgere questo tipo di lavoro ad alta manualità come prima. Ma il “progetto” è quasi tutta “farina del suo sacco”.

“Quando Gaia ha espresso questo desiderio per ricordare la mamma sono stato felicissimo. Abbiamo cercato di realizzare una torta per la stagione estiva, molto fresca, con base quasi tutta alla frutta” prosegue Giampaolo Matrone, che nel video illustra la ricetta perché, aggiunge, “sarebbe bello che in memoria di Valentina la proponessero anche tante altre pasticcerie”. Gaia e i “pasticcieri” hanno creato un crumble di biscotti e burro, come “cuore” un inserto gelee ai frutti rossi, base principale una mousse alla vaniglia del Madagascar, decorazione con ciuffi di panna, il gusto preferito di Valentina, guarniti di fucsia, il suo colore prediletto, e poi more lamponi e ribes. Infine Gaia ha messo una stella di pasta di zucchero, “perché Valentina - concludono la bambina e il suo papà - questo rappresenta per noi da quel 18 gennaio 2017: la nostra dolcissima stella”.