Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, nuova giunta a Montopoli. Sinistra italiana all'attacco: “Più che innovazione si tratta di trasformismo”

Elisa Sartarelli
  • a
  • a
  • a

Rinnovamento o trasformismo? E’ la questione posta dal circolo Bassa Sabina di Sinistra Italiana - Federazione Provinciale di Rieti sulla nuova formazione della giunta comunale di Montopoli di Sabina. “Abbiamo appreso dal sindaco Andrea Fiori che esiste una nuova maggioranza, frutto dell'alleanza tra Pd e Cinque Stelle, insieme a un nuovo assetto di giunta. La vicesindaco si è dimessa; il capogruppo della lista Cinque Stelle (avversaria alle elezioni comunali) è diventato assessore, ed è stato nominato un assessore esterno. Niente di nuovo sotto il sole: anche nel piccolo si inverano mentalità e metodi del trasformismo in auge a livello nazionale. Spacciare questo come rinnovamento, come si legge dal comunicato del sindaco, è francamente illusorio e sintomatico di scarso spessore politico”.

 

Sinistra Italiana sottolinea che, nella composizione della nuova giunta, la parità di genere non sia stata tenuta nella dovuta considerazione. “Noi di Sinistra Italiana abbiamo già da tempo sottolineato la nostra distanza da questa amministrazione, - spiegano - lo abbiamo fatto con le dimissioni del nostro assessore e mettendo in luce i limiti di questa esperienza, specialmente nella vicenda Saprodir. Il PD, che nei mesi scorsi ci ha manifestato comunque il suo interesse a proseguire l'alleanza e che poi si comporta in tutt'altra maniera, dimostra il suo stato confusionale e la sua supposta autosufficienza".

 

"Noi continueremo a sedere in consiglio comunale - concludono - con lo spirito critico che ci ha fin qui contraddistinto, a maggior ragione oggi che la maggioranza è altra da noi”.