Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Roma, Stellantis sbarca a Castelnuovo di Porto

Lu. Spa.
  • a
  • a
  • a

La Sabina e più in particolare l’area Tiberina si confermano attrattive per le aziende nazionali e internazionali decise ad investire soprattutto nella logistica. E’ successo per Amazon, Sda tanto per fare solo un paio di nomi. Presto potrebbe essere la volta di Stellantis. Infatti, entro luglio, avrà luogo l’asta per aggiudicare il complesso Inail che per anni ha ospitato il centro nazionale della protezione civile, realizzato negli anni ‘70 tra via Tiberina e via Ponte del Grillo.

 

Il consiglio di amministrazione dell’istituto nazionale assistenza e infortuni sul lavoro nelle prossime settimane adotterà la delibera definitiva per arrivare all’alienazione dopo una ventina di anni di abbandono e degrado. La struttura complessivamente copre 180 mila metri quadrati. Una parte, pari a 30 mila mq, sarà acquistata dalla Camera dei deputati per farne un archivio. Un’altra parte sarà destinata nelle disponibilità del Comune per inziative culturali, incontri e convegni e quindi di uso pubblico. I restanti 150 mila metri, invece saranno aggiudicati all’asta e diverranno un centro logistico di importanza nazionale.
Nell’area agricola abbandonata sarà costruito un capannone di 30 mila metri quadri che ospiterà un centro ricambi della Fiat del gruppo Stellantis. Insomma una struttura di prestigio che certamente alimenterà l’indotto e creerà nuova occupazione. 

 

Roma: minacce, bombe molotov e pizzini. Così il clan di Morlupo controllava il mercato della droga: 12 misure cautelari | Foto – Corriere di Viterbo

Logo
Cerca

Roma: minacce, bombe molotov e pizzini. Così il clan di Morlupo controllava il mercato della droga: 12 misure cautelari | Foto

Paolo Giomi
  • a
  • a
  • a

Castelnuovo di Porto, i carabinieri delle compagnie di Monterotondo e Bracciano, unitamente ai militari del Nucleo Elicotteri di Pratica di Mare e del Nucleo Cinofili di Santa Maria di Galeria e della compagnia di Ronciglione, nel Viterbese, hanno smantellato un’organizzazione criminale che gestiva lo spaccio di droga nel quadrante tiberino, al confine con la provincia di Rieti. Dodici le persone colpite da misure cautelari: 4 in carcere, 2 agli arresti domiciliari, 4 all'obbligo di dimora e 2 all'obbligo di presentazione in caserma. Tutti italiani, tutti residenti tra Castelnuovo di Porto e Morlupo. I provvedimenti emessi dal Gip del Tribunale di Tivoli, su richiesta della locale procura della Repubblica, sono stati eseguiti ieri mattina. Ai 12 indagati sono contestati, a vario titolo, i reati di concorso in detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, estorsione, incendio, porto e detenzione illegale di armi da fuoco.

 


 

L'attività d’indagine, denominata “Gerione”, ha avuto inizio a maggio 2019, in seguito a un arresto in flagranza di reato per detenzione di 6 kg di hashish e delle munizioni, operato da personale del Comando Stazione Carabinieri di Castelnuovo di Porto nel comune di Morlupo. Da quell’operazione è emerso infatti che quanto rinvenuto era riconducibile a un'altra persona del posto, già nota alle forze dell'ordine, che avrebbe costretto con minacce e violenza l'arrestato a detenere per suo conto la droga. Le indagini hanno permesso di acquisire importanti elementi di responsabilità a carico dei componenti di una famiglia di Morlupo, nota alle cronache locali poiché collegata, in passato, alla Banda della Magliana. E’ stato accertato addirittura che uno degli arrestati, considerato un rapinatore seriale, attualmente detenuto, forniva dal carcere disposizioni operative al fratello e tramite “pizzini” e conversazioni intrattenute con cellulari illegalmente in suo possesso continuava a gestire l'attività di traffico di stupefacenti tra Roma, Castelnuovo e Morlupo. Durante queste conversazioni, il detenuto è arrivato a organizzare una spedizione di droga e sim card diretta alla casa circondariale, mentre in alcune occasioni si è limitato a piazzare delle scommesse sugli eventi calcistici del momento.

 

 


 

Nel corso dell'inchiesta gli investigatori sono riusciti a individuare il canale di approvvigionamento del mercato locale di stupefacenti, rifornito con spedizioni periodiche di ingenti quantitativi provenienti dal quartiere Casal Bruciato di Roma. Il gruppo era talmente ben organizzato che uno dei corrieri utilizzati, dipendente di una tipografia, per non destare sospetti effettuava il trasporto dello stupefacente mediante l'utilizzo di un mezzo della propria ditta. Dall'attività investigativa è emersa anche una rete di contatti e connivenze tra più persone del posto che, in maniera non sempre consenziente, forniva appoggio all'attività di spaccio condotta dalla compagine criminale. Secondo gli investigatori, gli arrestati, che avevano un tenore di vita particolarmente alto grazie ai proventi dello spaccio, non si facevano scrupolo a risolvere dissidi privati e controversie nate in seno al traffico di stupefacenti mediante atti di violenza efferata. In un caso avrebbero danneggiato una concessionaria auto con una molotov. Sequestrati, nel corso dell’operazione, beni mobili, immobili, denaro contante e partite di sostanza stupefacente.

 


 

Copyright © Gruppo Corriere S.r.l. | P.IVA 11948101008 - ISSN (sito web): 2531-923X
Torna su

Grande soddisfazione per la conclusione di una vicenda che si trascinava da anni è stata espressa dal sindaco di Castelnuovo, Riccardo Travaglini: “Questa scelta rappresenta per il territorio un cambiamento epocale - ha avuto modo di commentare pubblicamente su nm.it il sindaco Riccardo Travaglini -. Siamo riusciti a lavorare a fari spenti ma con grande competenza e determinazione per risolvere una questione che si trascinava da troppo tempo”. Un iter avviato con il governo Conte e concretizzato con Invitalia, tramite l’amministratore delegato Arcuri. “Un grazie particolare - riprende il sindaco - va all’amico Cesare Damiano, ex ministro del lavoro e membro del Cda di Inail che si è fatto carico di inserire all’ordine del giorno la vendita del compendio dell’ex protezione civile, da anni abbandonato. Sarà una grande risorsa per il territorio”.
L’area logistica di 23 ettari complessivi, destinato a diventare tra i più grandi del Lazio, sorgerà tra la Tiberina e la provinciale a ridosso del casello A1 di Castelnuovo.