Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, primarie centrosinistra. A Petrangeli 11 seggi su 13

  • a
  • a
  • a

Ha vinto l’uomo senza partiti. O meglio, ha vinto quello con pochi partiti. Difficile dire se questo sia stato il motivo della sua grande affermazione, sta di fatto che l’ex sindaco Simone Petrangeli ha affrontato la sfida delle primarie di domenica più da candidato “civico” che da rappresentante dei partiti. Una vittoria netta, un po’ ovunque. Sui 13 gazebo allestiti su tutto il territorio comunale, l’ex sindaco ne ha conquistati 11, mentre lo sfidante Claudio Di Berardino ha portato a casa quelli di Piazza Tevere e Chiesa Nuova con uno scarto però minimo.

Per il resto è stata una affermazione netta un po’ ovunque dell’ex sindaco. Il centrosinistra, il giorno dopo le primarie della discordia, si sveglia con qualche dubbio in più. Il bilancio della consultazione è stato ritenuto positivo. Le oltre 3.800 persone che si sono recate ai seggi rappresentano un patrimonio da non disperdere. Ma è chiaro che in molti sono rimasti a casa. La decisione presa dopo un lunghissimo braccio di ferro iniziato a novembre non ha certo pagato in termini di consenso. Oggi però è già domani come ha detto lo stesso Petrangeli a spoglio appena concluso. “Da domani si lavora insieme per vincere le elezioni a primavera” sono le parole dell’ex sindaco dopo aver parlato con Claudio Di Berardino che è andato a trovarlo al comitato per complimentarsi.

“Non c’è nessun elemento di crisi profonda – ha detto Simone Petrangeli – ho fatto il sindaco con tanti esponenti del Pd ma da domani si volta pagina, quello che è successo è servito solo a scegliere il candidato ma la squadra è sempre la stessa. I cittadini hanno premiato la persona Simone Petrangeli, il consenso è stato diffuso tra le persone comuni. Rispetto al 2012 ho aumentato i consensi di 400 voti, nonostante allora andarono a votare 5.600 persone. Il Pd resta al centro della coalizione”. Il candidato “civico” che ha vinto la battaglia delle primarie, sa bene che per vincere anche a giugno avrà bisogno soprattutto dei partiti.