Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, arrivo profughi ucraini. La Asl coordina l'assistenza sanitaria

  • a
  • a
  • a

Incontro promosso dalla Asl, alla presenza dei sindaci del territorio della provincia e della Prefettura per coordinare la risposta sanitaria alle persone dell’ucraina che stanno giungendo nel Reatino. L’azienda sanitaria locale in queste ore ha attivato e sta attivando servizi territoriali di assistenza sanitaria e socio sanitaria dedicati: presso il distretto Rieti 1 - sede Rieti via delle Ortensie, distretto Rieti 2 - sede Poggio Mirteto, sede distrettuale di S. Elpidio e sede distrettuale di Passo Corese sono attivi i punti di orientamento e ascolto all’interno dei quali è possibile richiedere ed eseguire il tampone per la ricerca del virus da SARS CoV-2, vaccinazione contro il Covid-19, rilascio del tesserino STP (Stranieri Temporaneamente Presenti), che consente loro di accedere alle cure di cui hanno bisogno, sia urgenti che essenziali e continuative.

Presso il consultorio di Rieti è prevista la presenza giornaliera di specialisti pediatri e ginecologi, nonché la presenza di psicologi e assistenti sociali, per le esigenze di salute di donne e bambini/adolescenti ucraini. Inoltre, i pediatri di libera scelta hanno messo a disposizione i loro ambulatori per visitare i bambini e adolescenti ucraini. Presso il distretto Rieti 2 il mercoledì pomeriggio e il giovedì sono presenti specialisti ginecologi.  Tutti i giorni è presente l'ostetrica, una assistente sociale e uno psicologo. Per i casi ritenuti meritevoli di ricovero, è stato attivato un percorso dedicato con i reparti di ostetrica e ginecologia e pediatria e neonatologia del presidio ospedaliero di Rieti. I pediatri di libera scelta hanno messo a disposizione i loro ambulatori per visitare i bambini e adolescenti ucraini, che in un primo tempo giungano al consultorio di Rieti. Anche il consultorio adolescenti-spazio giovani della Asl di Rieti affiancherà, alle proprie attività istituzionali, uno spazio di supporto psicologico per ragazze e ragazzi di origine ucraina della fascia d'età 14-24 anni che arriveranno nel territorio della provincia di Rieti per fuggire dalla guerra. 

La Asl di Rieti offre inoltre un servizio, attraverso la presenza delle Ostetriche di Comunità, presso eventuali centri di accoglienza o presso i domicili scelti. L'attività che si intende svolgere sul posto è quella di individuare eventuali bisogni ed indicare dove necessario i percorsi specifici. Il primo impegno sarà offrire la presenza sul posto supportando a livello ostetrico ed emotivo le donne accolte presso il nostro territorio.