Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, primarie centrosinistra. Ex Solsonica, le richieste dei lavoratori a Di Berardino

  • a
  • a
  • a

Ex lavoratori Solsonica a colloquio con l’assessore regionale al Lavoro, Claudio Di Berardino. Sul tavolo il rinnovo della mobilità in deroga e gli arretrati non pagati da febbraio a dicembre 2021. I 24 ex dipendenti Solsonica, dopo avere incontrato nelle settimane scorse il vice sindaco di Rieti e candidato sindaco alle prossime elezioni, Daniele Sinibaldi, ora hanno spostato interlocutore. Venerdì scorso nella sede del Pd, il gruppo coordinato da Angelo Pace, si è interfacciato con l’assessore regionale e candidato alle primarie del centrosinistra, Claudio Di Berardino.

 

“Abbiamo trovato la massima disponibilità da parte di Di Berardino che ci ha promesso che nei prossimi giorni parlerà con il direttore dell’Inps Pasquale Tridico per cercare di sbloccare la situazione dei nostri arretrati - ha detto Pace -, parliamo di una cifra intorno ai 3mila euro a testa, non pochi visto il nostro momento particolarmente difficile”. Ma la priorità per il gruppo dei 24 lavoratori (come anche per gli altri) resta il rinnovo della mobilità in deroga. I fondi sono stati sbloccati, ma la firma sull’accordo stenta ad arrivare.

 

“Gli argomenti trattati sono stati quelli della mobilità in deroga e delle politiche attive del lavoro - continuano i lavoratori -. Riguardo la mobilità in deroga 2021, sono state reclamate le decurtazioni non applicabili per la terza e quarta proroga, nel periodo ricompreso dal 1 febbraio al 31 dicembre. L’assessore si è impegnato in tempi brevi ad incontrare il presidente Inps per dirimere tale situazione. E’ stato ribadito che, a fronte della richiesta di 23 milioni di euro da parte della Regione Lazio per 1050 fruitori delle aree di crisi complessa di Rieti e Frosinone, relativi alla Deroga 2022, ne sono stati assegnati, proprio negli ultimi giorni, 19.7 da parte del ministero del Lavoro. I lavoratori hanno ribadito come, soprattutto in questo periodo, sia necessario sbloccare tali fondi con urgenza. Per quanto riguarda le politiche attive del lavoro, l’assessore ha evidenziato la difficoltà di dialogo con tutte le amministrazioni locali, senza nessuna eccezione. I lavoratori hanno ricordato che il Comune di Rieti, attraverso il vicesindaco Sinibaldi, ha espresso l’impegno e la volontà di creare progetti partecipati con la Regione Lazio. L’assessore ha rappresentato in tal senso la necessità di riaprire un dialogo costruttivo, indirizzando i percettori in un percorso di ricollocamento nell’ottica della riqualificazione ed età anagrafica”. I lavoratori, al termine dell’incontro, hanno auspicato a breve, un puntuale aggiornamento per gli impegni presi dall’assessore regionale Claudio Di Berardino.