Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, sicurezza. A Fara Sabina in arrivo 32 telecamere

L. S.
  • a
  • a
  • a

In arrivo 32 telecamere di sorveglianza per garantire la sicurezza sul territorio. Il via libera è stato dato nl corso della riunione del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, presieduta dal prefetto, alla quale hanno preso parte, oltre ai vertici delle Forze dell'ordine, e i sindaci dei Comuni di Fara in Sabina e Poggio San Lorenzo.
Il progetto di videosorveglianza presentato dal Comune di Fara in Sabina, mediante l'implementazione del sistema già in uso, garantirà un più efficace controllo di alcune aree più sensibili del territorio. Il prefetto Gennaro Capo ha evidenziato come “l'installazione di tali impianti risponda ad una duplice esigenza, sia di prevenzione che di contrasto dell'attività illecita, contribuendo nel contempo ad aumentare il livello di sicurezza percepita dalla collettività”.

 

Soddisfazione è stata espressa anche dal sindaco di Fara Roberta Cuneo e dall’assessore Simone Fratini: “Garantire la sicurezza della cittadinanza presidiando il territorio è uno dei principali obiettivi della nostra amministrazione, e il progetto che abbiamo predisposto va in questa direzione. Gli interventi previsti saranno realizzati grazie all’ottenimento di fondi pubblici, con un primo investimento di circa ventiseimila euro per l’acquisto e l’installazione di trentadue telecamere e di una postazione di controllo dedicata, al fine di integrare e potenziare il sistema di videosorveglianza di aree sensibili della nostra città, e supportare il lavoro delle forze di polizia nell’attività di prevenzione e controllo della pubblica sicurezza”.

 

 

Per Cuneo e Fratini “la parte più innovativa riguarda la creazione di un sistema integrato per la sicurezza. Non si tratta infatti di avere solo nuove telecamere quanto piuttosto di creare intorno a queste un sistema di analisi e lettura immagini essenziale per rendere veramente efficace questa metodologia di controllo del territorio. A tale scopo - proseguono - ci sarà una cabina di regia, in capo alla Polizia locale. I sistemi di sorveglianza saranno dislocati in diversi punti sensibili del territorio comunale, presso i cimiteri, le scuole, i parchi giochi e nelle aree a rischio di incendio. Infine, ma non ultimo, risulta fondamentale la collaborazione con le forze dell’ordine, con cui il dialogo è aperto e proficuo e che desideriamo ringraziare - concludono il sindaco Roberta Cuneo e l’assessore Simone Fratini - per la disponibilità sempre dimostrata”.
Nel corso della stessa riunione è stato approvato anche il progetto di videosorveglianza presentato dal Comune di Poggio San Lorenzo.