Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Sindaci con volantini ai caselli autostradali contro i rincari dei pedaggi

  • a
  • a
  • a

Pedaggi A24/A25: il tempo passa e luglio si avvicina. L’aumento del 34% circa dei pedaggi autostradali, che sarebbe scattato il primo gennaio scorso, è stato sospeso dal Consiglio di Amministrazione di Strada dei Parchi fino al 30 giugno, senza l’aggiornamento del Piano Economico e Finanziario (fermo al 2013), chiesto ripetutamente dai sindaci di Lazio e Abruzzo impegnati da quattro anni nella lotta contro il caro-pedaggi e per la sicurezza della A24/A25. A seguito dell’incontro svoltosi in questi giorni a Carsoli, i sindaci ribadiscono di essere “più che mai determinati a mettere in campo tutte le iniziative necessarie ad ottenere da parte del Governo e del Mims, una soluzione concreta e definitiva al problema ed evitare il rincaro delle tariffe dal 1 luglio”. Il 17 febbraio alle 11, nella sala consiliare del Comune di Carsoli (il sindaco Velia Nazzarro è portavoce di tutti i sindaci ndr.) si terrà una conferenza stampa alla quale sono stati invitati i Presidenti delle Regioni Lazio e Abruzzo e delle Provincie interessate. Sabato 19 febbraio dalle ore 10, i Sindaci e gli Amministratori si ritroveranno ai caselli autostradali di Tivoli, Castel Madama, Vicovaro Mandela, Carsoli Oricola, Magliano dei Marsi, Avezzano, Celano, Sulmona, Tornimparte e L’Aquila, per distribuire materiale informativo utile a sensibilizzare e tenere alta l’attenzione.

 

 

“Noi siamo sempre in attesa di un cenno di riscontro da parte del Ministro Enrico Giovannini e dei Parlamentari di Lazio e Abruzzo, sollecitati con una nuova richiesta di incontro e l’apertura di un tavolo di confronto. Tutto ancora tace, ma noi non molliamo” scrivono i sindaci. A dicembre, dopo incontri e proteste, il Ministero dei Trasporti aveva proposto di ‘sterilizzare’ gli aumenti con una proroga di quattro mesi, senza assicurazioni su un nuovo Piano Economico Finanziario di Strada dei Parchi, definita dai sindaci (che hanno marciato per protesta da Piazza Santi Apostoli a Palazzo Madama) “una toppa pulisci coscienza”.

 

 

Per la provincia di Rieti aderiscono i sindaci di Paganico Sabino, Colle di Tora, Ascrea, Collalto Sabino, Pescorocchiano, Petrella Salto, Collegiove, Nespolo, Borgorose, Varco Sabino, Concerviano, Marcetelli, Fiamignano, Antrodoco, Palombara Sabina, Turania, il presidente di Anci Abruzzo e del Lazio, i commissari delle comunità montane IX, X e VII. I caselli di Valle del Salto e di Carsoli sono l’ingresso nella provincia di Rieti da Roma e dall’Abruzzo, utilizzati da studenti, pendolari, turisti, trasporto merci (sono coinvolti anche i sindacati degli autotrasportatori), collegamento sulla superstrada Terni- Rieti- Torano.