Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, bonus spesa Covid. La Finanza smaschera e multa 50 furbetti

  • a
  • a
  • a

Nelle ultime settimane la guardia di Finanza di Rieti ha ultimato una serie di controlli sui “bonus spesa COVID-19” da parte del Comune di Rieti. Il raffronto analitico tra i dati dichiarati e quelli risultanti dalle banche dati della Finanza ha permesso di scoprire numerosi “furbetti” che, attestando falsamente la loro reale posizione economica, hanno ottenuto illegittimamente il contributo straordinario, in realtà destinato alle sole famiglie in evidente stato di bisogno e maggiormente colpite dagli effetti economici derivanti dall’emergenza sanitaria.

 

 

 Nel concreto, l’attenzione delle Fiamme Gialle si è concentrata - in primo luogo - nella verifica dell’effettiva mancata percezione di altre forme di sostegno pubblico, quali reddito di cittadinanza, indennità di disoccupazione, trattamenti pensionistici o comunque del possesso di altri redditi superiori a determinate soglie di valore, più o meno scaglionate secondo la composizione del nucleo familiare, che dai bandi emanati costituivano condizioni ostative per l’ottenimento del buono spesa. In taluni casi, invero, è stato rilevato che la situazione economica dei beneficiari è risultata addirittura migliorata negli anni della pandemia rispetto all’anno precedente. All’esito di questo primo monitoraggio, concretizzatosi nell’approfondimento di oltre 200 posizioni, per un totale di spesa erogata dal Comune di più di 400.000 euro, sono stati scoperti oltre 50 beneficiari irregolari che, avendo omesso di dichiarare la percezione di redditi di lavoro dipendente e reddito di cittadinanza e/o emolumenti pensionistici, hanno indebitamente usufruito di tali contributi. 

 

Nei loro confronti sono stati redatti altrettanti verbali di accertamento e contestazione amministrativa per violazione art. 316 ter - comma secondo -Codice Penale, che prevede l’irrogazione di una sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro nel limite del triplo del beneficio conseguito, addebitando ai trasgressori sanzioni per un importo complessivo pari ad a 60.690. Contestualmente è stato interessato il Comune di Rieti per la revoca del beneficio ed il recupero delle somme erogate.