Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, anche Di Berardino dice sì alle primarie

  • a
  • a
  • a

L’indicazione di Claudio Di Berardino a candidato sindaco da parte del Pd e altre forze centrosinistra ha l’obiettivo di ricompattare tutta la coalizione e presentarsi più forte di fronte alla sfida lanciata dal centrodestra che ormai da giorni è al lavoro con il candidato sindaco Daniele Sinibaldi. Questo è l’obiettivo. Ma come questo si possa raggiungere è ancora poco chiaro anche se un passaggio del comunicato dei partiti che sostengono Di Berardino non lascia spazio a equivoci: “...chiediamo a Claudio Di Berardino di riuscire ad interpretare al meglio questo progetto ambizioso, fortemente convinti che la sua esperienza e la sua storia personale siano la migliore garanzia per il raggiungimento di quell’unità che stiamo perseguendo con determinazione e che continueremo a perseguire, rendendoci disponibili a qualsiasi altro tipo di confronto”. A fare chiarezza ieri è stato lo stesso Di Berardino con un comunicato stampa molto netto.

“Grazie al Partito democratico, Articolo 1, M5S, Rieti in Comune, Patria e Costituzione e Città Aperta per avermi rivolto la richiesta a candidarmi a sindaco della città di Rieti, tra qualche giorno scioglierò la riserva con spirito di servizio verso le suddette forze politiche e movimenti e nei confronti delle cittadine e dei cittadini di Rieti. Fermo restando il ruolo fondamentale delle forze politiche, dei movimenti e associazioni quale ossatura fondamentale della democrazia e della partecipazione, ritengo che sia imprescindibile il passaggio delle elezioni primarie aperte a tutte le personalità ed esponenti dell’intero mondo del centrosinistra reatino per legittimare dal basso la candidatura a sindaco della città di Rieti con il protagonismo delle persone del territorio”. Sulla stessa lunghezza il pensiero di Simone Petrangeli arrivato contestualmente a quello dell’assessore regionale.

“Basta litigi e polemiche, questo è il momento della concordia, dell’unità e della coesione. La partecipazione è l’unico antidoto all'antipolitica. Il campo largo del centrosinistra deve ritrovare compattezza e per farlo deve vivere le primarie come una festa della democrazia. Proporrò alla coalizione di utilizzare lo slogan "Insieme", perché solo uniti si possono battere le destre e si può ridare speranza ai cittadini - continua l’ex sindaco -. Il campo largo è un'alleanza plurale e partecipata, nella quale convivono tante sensibilità e ci sono tante voci che devono diventare un coro. Adesso al lavoro per costruire una Rieti migliore, con tutti quelli che non si riconoscono nell'attuale governo cittadino”.