Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, elezioni comunali. Il Terzo Polo: “Posizione di Italia Viva schizofrenica”

F. L.
  • a
  • a
  • a

Il comunicato di Italia Viva a firma Susanna Barina che prende le distanze da terzo polo e candidato sindaco Carlo Ubertini, ha fatto rumore. E a stretto giro arriva la risposta di partiti e movimenti che compongono il terzo polo (Psi, M5s, Nome, Uniti per Rieti). “Affermazioni illogiche e condite di nonsenso quelle dalla coordinatrice provinciale di Italia Viva, che reclamerebbe per il suo partito il ruolo di top player”all’interno del terzo polo. La candidatura di Carlo Ubertini come candidato del terzo polo, e non del Psi come erroneamente ma volutamente affermato, nasce per volontà di un gruppo di movimenti, gruppi e liste civiche che si sono ritrovate unanimemente d’accordo nell’individuare la figura di Ubertini quale candidato sindaco dall’elevato spessore culturale, di stampo riformista e in grado rispetto ad altri di coinvolgere il mondo moderato. Tale candidatura è stata proposta in occasione di una riunione che ha visto la partecipazione non solo del consigliere Giosuè Calabrese, esponente di spicco di Italia Viva, ma della stessa Susanna Barina”.

 

Nei successivi incontri convocati sia per portare avanti il progetto con per discutere della partecipazione di una lista del terzo polo alle elezioni provinciali (a cui solo l’associazione Nome non vi ha preso parte), “Italia Viva è stata sempre presente, assumendo una legittima posizione quale quella espressa proprio dalla coordinatrice Barina ovvero di voler essere parte del progetto per le elezioni provinciali ma di voler avere le “mani libere” per le successive amministrative. Proprio Calabrese chiese un impegno a tutti i candidati della lista “Provincia Progetto Comune”, chi fosse stato eletto in Provincia avrebbe dovuto onorare un impegno, quello di rimanere coerentemente nella lista per l’intera durata della consiliatura e all’opposizione dell’attuale maggioranza provinciale. Impegno disatteso dall’unico consigliere eletto, Franco Gilardi (Italia Viva), che ha deciso in completa autonomia di creare in Provincia e a Rieti un gruppo federato e autonomo insieme a Cambiamo - Coraggio Italia in appoggio a Daniele Sinibaldi".

 

"Quanto premesso per riportare fedelmente i fatti e rappresentare una posizione incoerente e schizofrenica di Italia Viva, che dovrà dimostrare alle prossime elezioni amministrative la consistenza del proprio consenso. Italia Viva da quanto emerge disconoscerebbe la candidatura di Ubertini a loro dire appartenente al Psi dimenticando goffamente che, al Senato, il partito di Renzi esiste proprio grazie ad un accordo con il Psi di Nencini. Non ci interessa cosa farà Italia Viva, ma risuonano illuminanti le parole di Renzi in occasione della sua partecipazione ad Atreju, convention organizzata dal partito della Meloni a cui appartiene l’attuale candidato sindaco del centrodestra: “qui non mi sento a casa, sono stato e sarò da un’altra parte””, concludono.