Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, Covid. Record di tamponi: oltre 3.000 in un giorno. Omicron dilaga

Esplora:

Paola Corradini
  • a
  • a
  • a

La variante Omicron continua a correre veloce anche nel Reatino dove ieri sono stati registrati 413 nuovi contagiati, 157 a Rieti città, con il totale che arriva a 4048. Dei positivi la maggior parte è asintomatico e in quarantena presso la propria abitazione. La situazione dei ricoveri è ancora sotto controllo visto che al momento al De Lellis si contano 22 ricoverati in reparti ordinari e tre pazienti in terapia intensiva nessuno di loro vaccinato. Non aveva concluso il percorso vaccinale neanche il 79enne deceduto ieri nel reparto di malattie infettive. La preoccupazione ora è legata in particolare modo a gli operatori sanitari risultati positivi o in quarantena perché entrati in contatto con positivi. Avere numeri dettagliati non è possibile anche perché il tracciamento è ormai saltato. In una nota il sindacato Nursing Up parla di un 30% di lavoratori della sanità laziale, infermieri, dipendenti e medici, colpiti da questa quarta ondata pandemica che è ormai diventata endemica a causa della velocità di trasmissione della variante Omicron.

 

Tra tutte le province del Lazio a Rieti si registra la situazione meno grave con i casi covid inferiori rispetto al resto del Lazio. “Ma spesso è successo a causa degli scarsi accertamenti - si legge nella nota del sindacato Nursing Up. “L’86% degli affetti da Covid per ragioni di servizio, sono infermeri, fisioterapisti, tecnici sanitari di radiologia medica. Le segnalazioni, a Rieti e provincia sono il 2,6%”. Come detto, si tratta di stime, ma è certo che, se continua questa tendenza, con il picco che deve ancora arrivare, si rischiano ripercussioni serie sul funzionamento dei reparti ordinari e dei servizi Asl. “Come sindacato - si legge nella nota - abbiamo lanciato l’allarme perché si tende sempre a dimenticare che ci sono infermieri e medici che si contagiano”. I positivi al Covid tra personale infermieristico e operatori sanitari nel Reatino vede un totale di 320 persone con 227 donne e 93 uomini.

 

“Vale a dire - secondo Nursing Up - che tra chi ha denunciato un infortunio da Covid l’84/86 % era un infermiere”. Intanto la Asl registra il nuovi record giornaliero di tamponi con 3004 eseguiti nella giornata di venerdì con il totale che sale oltre 185mila. Prosegue anche la campagna vaccinale della Asl e da domani il centro vaccinale alla caserma Verdirosi, amplierà la fascia oraria di apertura dalle 8 alle 20, dal lunedì alla domenica. La decisione è stata presa per permettere un’adesione sempre più ampia alla campagna vaccinale da parte di tutti i cittadini che devono completare il ciclo vaccinale primario o eseguire la dose booster di richiamo. Ieri superate le 248.000 somministrazioni con 49.000 terze dosi e 99.000 cittadini che hanno completato il ciclo vaccinale primario. 49mila sono invece le prime dosi: dal 1 gennaio ad oggi i cittadini che hanno eseguito la prima dose sono 552.