Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Monterotondo, petardi e fuochi d'artificio vietati fino all'Epifania. L'ordinanza

Matteo Torrioli
  • a
  • a
  • a

Anche quest’anno il sindaco di Monterotondo ha firmato un’ordinanza per vietare, dal 28 dicembre al 6 gennaio, l’utilizzo di fuochi d’artificio, mortaretti, petardi, bombette e simili. Un provvedimento che viene preso da anni anche se poi, all’atto pratico, difficilmente viene rispettato. 
Nell’ordinanza si legge che nell’avvicinarsi al Capodanno “anche la città di Monterotondo è per consuetudine teatro, in tutti i quartieri, di molteplici e numerosi scoppi di petardi, mortaretti e artifici similari” non solo durante la notte di San Silvestro “ma anche, seppur in modo più sporadico, nei giorni immediatamente precedenti e/o successivi”. 

 

Questa pratica, “rischia di produrre danni o lesioni alle persone, anche gravi e gravissimi” e causa anche “effetti traumatici agli animali d’affezione”. 
Inoltre, si legge ancora, “nella notte di Capodanno il personale sanitario, la struttura di pronto soccorso della città, la sale operatorie e le altre attrezzature sanitarie necessarie ad apprestare le cure del caso ai feriti, sono fortemente impegnate ad assicurare l’assistenza ai feriti da mortaretti, ordigni pirotecnici, armi da fuoco, lanci di bottiglie, cocci di vetro, feriti che affluiscono tutti insieme nel giro di pochi minuti presso le suddette strutture”.

 

Un’eventualità da evitare a tutti i costi vista anche l’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. Chi non rispetterà l’ordinanza potrà incorrere in sanzioni amministrative di un importo compreso da 500 euro fino a 5 mila. Il problema, ora che l’ordinanza è stata firmata, rimane però quello de controlli. Come detto, anche negli passati sono stati adottati provvedimenti simili ma alla fine a Capodanno tutto il territorio si trasformava in una rumorosa Santa Barbara. Ovviamente un’ordinanza del genere lancia un messaggio ben preciso alla popolazione ma gli appassionati di fuochi pirotecnici e simili non si lasceranno scoraggiare così facilmente soprattutto nella notte più attesa, quella che accompagnerà tutti nel nuovo anno.