Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, sci. Camion portano la neve sulle piste al Terminillo

Lu. Spa. 
  • a
  • a
  • a

Non è la prima volta e, sicuramente, non sarà neanche l’ultima. Trasportare la neve sulle piste a bordo di camion è una soluzione adottata eccezzionalmente già da altre stazione sciistiche anche rinomate ma al Terminillo rischia di diventare una abitudine. Insomma con il Natale ormai alle spalle si cerca di salvare la stagione sciistica almeno per il Capodanno (ormai alle porte) e i giorni successivi che porteranno all’Epifania. Comune e Provincia, visto che la neve non vuole saperne di cadere dal cielo com’è naturale, si stanno prodigando di farla arrivare a bordo di camion. “Uno sforzo congiunto a sostegno degli operatori della montagna” hanno sottolineato il vicesindaco e assessore al Turismo Daniele Sinibaldi e il consigliere comunale e provinciale Maurizio Ramacogi impegnata da ieri mattina a coordinare le operazioni sulla stazione montana affollata (ma non troppo) di turisti e appassionati della montagna e dello sci.

 

 

“Provincia e Comune di Rieti sono in campo per il Terminillo - fanno sapere in una nota congiunta Sinibaldi e Ramacogi -. Da ieri mattina sono in corso le operazioni, attraverso camion messi a disposizione dagli enti, per trasportare sulle piste la neve prelevata in quota, al fine di creare le condizioni affinché nei prossimi giorni possano essere aperti gli impianti per accogliere i turisti che vorranno sciare sul Terminillo. Nonostante la pioggia e le condizioni climatiche sfavorevoli degli ultimi giorni, stiamo facendo il possibile, insieme ai maestri di sci, agli albergatori e alla società Funivia, per riuscire ad aprire in vista del Capodanno”.

 

 

Una impresa abbastanza ardua anche perché la neve raccolta in quota, caduta ormai una decina di giorni fa, non è abbastanza sufficiente per garantire un tappeto di neve adeguato. C’è infatti da fare i conti con la variabile legata alle temperature che torneranno, nelle prossime ore, ad alzarsi ben oltre la media stagionale. Le previsioni, infatti, parlano di temperatura in quota (1.800 mls) che oscillerà tra i -1° (la notte) e i 10° (di giorno). Un trend meteorologico che durerà almeno fino a martedì prossimo. Il rischio è che lo sforzo congiunto di Provincia e Comune di trasportare la neve sulle piste con l’ausilio di camion sia vanificato proprio dall’anticiclone “gigante africano” (com’è stato ribattezzato dagli esperti) che stazionerà per un bel po’ sull’Italia. Resta lodevole lo sforzo per riuscire ad aprire per il 1° dell’anno almeno gli impianti delle Carbonaie e il tappeto a Pian de’ Valli. Non resta che sperare.