Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Roma, nuova base per l'atterraggio degli elicotteri del 118 nella Sabina romana. Nascerà a Moricone

Paolo Giomi
  • a
  • a
  • a

Una nuova base aerea a servizio di tutta la Sabina è in arrivo nell’area romana, sul territorio del Comune di Moricone. E’ dei giorni scorsi, infatti, l’ufficializzazione del contributo erogato dalla Regione Lazio, pari a circa 300 mila euro ai quali si aggiungeranno 180 mila euro di fondi Comunali ottenuti con il supporto di Cassa Depositi e Prestiti, per la realizzazione di un’eli-superficie a disposizione dell’Ares 118, con annessa nuova sede per la Protezione Civile. I lavori inizieranno nelle prime settimane del 2022, per andare a completamento, secondo le previsioni, entro la fine del nuovo anno.

 

Anche il Comune sabino, da parte sua, ha iniziato a muovere i primi passi di propria competenza, approvando una delibera di giunta che ha dato il via libera all’acquisizione dei terreni individuati, un’area di circa un ettaro in località Fossagrotta, situata ad una manciata di chilometri dal centro abitato. La superficie consentirà ai mezzi aerei di soccorso praticamente di dimezzare i tempi di intervento in tutta l’area Sabina, non soltanto romana ma anche reatina, dal momento che, in termini di distanze aeree, i territori di Fara Sabina, Montopoli, Poggio Mirteto, e anche le zone più all’interno distano pochi chilometri da quello di Moricone.

 

 


“Entro la fine dell’estate verrà completato il primo stralcio dei lavori, per un’opera di fondamentale importanza per tutto il quadrante – ha commentato il sindaco di Moricone, Giovanni Battista Pascaziper questo, oltre alla piattaforma di decollo e atterraggio per gli elicotteri di 900 metri quadrati, l’area vedrà nascere anche il nuovo centro operativo della nostra Protezione Civile, per creare un polo d’emergenza di primaria importanza non solo per il nostro territorio, ma per tutto il quadrante”. La struttura, che verrà inserita nella missione Hems (Helicopter Emergency Medical Services) già utilizzata dalla Regione Lazio, consentirà agli equipaggi aerei del 118 di intervenire con la massima rapidità in caso di chiamate dall’area, in stretta sinergia con la piattaforma aerea già presente tra il territorio di Monterotondo e quello del Comune di Roma, e con le altre eli-superfici del territorio. E sarà in linea con i più avanzati standard dell’aviazione civile previsti da Enac.