Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, con il T-Red 41 multe al giorno

Monica Puliti
  • a
  • a
  • a

Automobilisti reatini indisciplinati? Sembrerebbe proprio così a leggere il primo bilancio stilato dalla polizia municipale a tre settimane – era il 20 novembre scorso – dall’entrata in funzione dei T-Red, gli impianti di rilevazione delle infrazioni installati in 3 incroci cittadini, quelli ritenuti più pericolosi. Si tratta delle telecamere semaforiche di Porta d’Arce in direzione via Salaria/viale Morroni, di via Togliatti incrocio con via del Terminillo/via De Gasperi (ex ospedale psichiatrico) e di via Paolessi incrocio con viale Maraini; posticipata l’installazione dell’impianto in via Raccuini dove si stanno risolvendo alcuni problemi tecnici.

Ebbene, dal 20 novembre a ieri gli occhi elettronici hanno registrato 865 passaggi con il rosso in prossimità dei 3 semafori: in particolare, sono stati rilevati 373 passaggi nell’impianto di Porta d’Arce, 348 in quello di via Togliatti e 144 in via Paolessi; elevate 41 multe al giorno. Ad essere multati, come hanno puntualizzato da Palazzo di Città sin dalla vigilia dell’installazione delle telecamere – per fare chiarezza e mettere a tacere le notizie che si sono rincorse sul web -, solo gli automobilisti che passano al semaforo quando è già scattato il rosso; per loro la multa ammonta a 160 euro di giorno e 200 di notte (dalle 22 alle 7).  Gli impianti dovrebbero funzionare da deterrente per rendere le strade più sicure anche se l’alto numero di verbali dice che non tutti, evidentemente, sanno della presenza degli occhi elettronici ai 3 semafori nonostante se ne sia parlato e dibattuto, a ridosso del 20 novembre, in tutte le lingue del mondo.

E sicurezza è stata la parola d’ordine pronunciata dall’assessore Onorina Domeniconi (Polizia municipale e Protezione civile) per giustificare la scelta dell’amministrazione comunale che, come detto, ha voluto i T-Red negli incroci più pericolosi per numero di incidenti registrati. “Solo nelle ultime settimane – diceva prima della installazione – negli incroci individuati per i nuovi impianti sono stati registrati ben 6 incidenti significativi” aggiungendo che “non verranno abbassati i tempi del giallo come qualcuno ha detto e soprattutto facciamo notare che le telecamere registreranno dei video del passaggio con il rosso, non delle fotografie puntuali, e quindi chiunque dovesse ricevere la contestazione può tranquillamente visionare il video per verificare l’avvenuta violazione”