Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, il ministro Guerini a Cittaducale: "Fondamentale il ruolo della Scuola carabinieri forestale” | Video

Paola Corradini
  • a
  • a
  • a

“Il nostro Paese può vantare una forza di polizia ambientale che per struttura, competenze, professionalità e potenzialità, è prima in Europa e nel mondo, presidio essenziale per la tutela del patrimonio Forestale, Ambientale e Agroalimentare” così il Ministro della Difesa Lorenzo Guerini durante la visita di questa mattina presso la Scuola forestale carabinieri di Cittaducale. Ad accoglierlo il prefetto di Rieti, Gennaro Capo, il comandante generale dell’Arma dei Carabinieri, generale Teo Luzi, il comandante delle unità forestali, ambientali e agroalimentari dei Carabinieri, generale di corpo d’armata Pietro Marzo; dal comandante delle scuole dell’Arma dei Carabinieri, generale Adolfo Fischione e dal comandante della Scuola, generale di Brigata Donato Monaco, presente anche il comandante provinciale colonnello Bruno Bellini.

 

 

Durante il suo intervento, che ha seguito quello del comandante della Scuola Donato Monaco, il ministro Guerini ha evidenziato “l’incessante opera di vigilanza, fondamentale per la prevenzione dei crimini ambientali”, che i carabinieri forestali svolgono a tutela della straordinaria bellezza dell’Italia e del suo territorio “contrastando un sistema criminale che non si fa scrupolo a danneggiare anche irreparabilmente una risorsa preziosa che ci identifica nel mondo”.Un luogo importante la Scuola Carabinieri Forestali di Cittaducale che esiste da 150 anni e forma donne e uomini pronti a difendere e curare un territorio particolarmente vasto e diversificato. “Per questo – ha detto Guerini - il ruolo dei carabinieri forestali è fondamentale per tutelare queste zone dagli incendi, da atti vandalici, dal bracconaggio e dal taglio non autorizzato dei boschi”. Guerini ha tenuto ha ribadire che “è fondamentale questa scuola come è fondamentale il lavoro di queste donne e di questi uomini e la ragione è che appunto questa bellissima struttura affonda le proprie radici nella storia e nel rapporto con il territorio nel quale è collocata”.

 

Quindi “l’azione e l’attività che i carabinieri forestali sono chiamati a svolgere è un’azione chiaramente ancorata al territorio e all’esigenza di preservarne le caratteristiche e le migliori diversità reprimendo i reati contro l’ambiente contribuendo alla salvaguardia del nostro territorio”. Da qui un ringraziamento speciale da parte del Ministro alla Difesa al lavoro svolto perché “penso che continuare a mantenere un legame forte con i territori sia il modo migliore per guardare al futuro affondando nella storia. C’è stato consegnato un mondo e noi dobbiamo costruirlo e migliorarlo per consegnarlo a chi verrà dopo di noi preservandone davvero le qualità più importanti quali il contesto ambientale e territoriale”. Al termine dell'incontro il ministro Guerini ha presenziato ad una colazione offerta dalla Scuola Forestale.