Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, tribunale. Fiano Romano vuole tornare sotto la giurisdizione di Roma

Lu. Spa.
  • a
  • a
  • a

Il malumore tra residenti e avvocati è evidente da diversi anni. Forse troppi per qualcuno ed ora quel malumore rischia di trasformarsi in qualcosa di più. I cittadini, al pari della schiera dei principi del Foro che operano nell’area Tiberina sono stanchi di “salire” fino a Rieti per le cause legali e vogliono tornare di competenza di Roma “molto più comoda e facile da raggiungere” spiegano alcuni professionisti che, insieme ai cittadini, sono pronti a raccogliere firme e portare al Ministero di Giustizia la loro istanza. Il problema è nato nel 1999 con una legge che ha ridisegnato i tribunali in Italia. All’epoca c’erano le sedi distaccate e venne creata le sedi distaccate di Poggio Mirteto come emanazione del tribunale di Rieti.

 

 

La decisione si basava sull’elemento tecnico-demografico e Fiano non avendo i numeri venne accorpata a Poggio Mirteto che a sua volta non avrebbe potuto aprire non avendo un bacino di utenti sufficienti a garantire la sede distaccata. Ma un successivo ridimensinamento delle sedi distaccate ha portato alla chiusura della vicina sede di Poggio Mirteto (dove è rimasto solo l’ufficio del giudice di Pace) così come quella di Castelnuovo di Porto. Quindi per area geaografica Fiano Romano dipende dal “lontanissimo” tribunale di Rieti anche per processi minori con imputati e legali costretti a viaggi lunghi e non certo comodi anche per via di collegamenti “quasi da terzo mondo”.

 

“Per molti di noi avvocati - fanno sapere da uno studio legale di Fiano - andare a Rieti è una vero e proprio Calvario figuriamoci per i nostri clienti, anche anziani, che non dispongono di un’auto propria e sono costretti a prendere mezzi pubblici non proprio efficienti”. A condividere questa situazione sono anche i Comuni di Ponzano Romano, Filacciano, Nazzano e Torrita Tiberina, tutti geograficamente in provincia di Roma ma più vicini a Rieti. Gli avvocati che stanno valutando di costituire un Comitato, fanno presente che ormai “Fiano è diventato un centro produttivo di livello che ha bisogno dei meccanismi della Giustizia. Senza sottovalutare le vie di collegamento (la A1 e la ferrovia) che permette in pochi minuti di arrivare a Roma”.