Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Bilancio, il debito del Comune di Rieti pesa 570 euro su ogni cittadino

Alessandro Toniolli
  • a
  • a
  • a

Il debito pro capite dei reatini sul bilancio del Comune è di 570 euro. Rieti torna sulla stampa nazionale citata da Il Sole 24 Ore come “esempio non virtuoso” in un articolo che analizza le difficoltà dei Comuni nel tempo del covid si fa riferimento agli avanzi disponibili pro capite al termine del 2020 e mentre viene citata Aosta come esempio positivo con + 611 euro a cittadino, Rieti al contrario emerge per i suoi -570 euro. Per Paolo Bigliocchi è “la testimonianza di una difficoltà oggettiva”. Ma le perplessità dell’ ex sindaco e assessore al Bilancio sono anche altre: “sappiamo dal 2012 che quello di Rieti è un Comune in difficoltà, se non fosse stato così non avremmo fatto il pre dissesto, cosa che non è stata piacevole soprattutto per noi che lo abbiamo chiesto - spiega -. Ci sono però ora dei campanelli d’allarme clamorosi: nella relazione di accompagnamento alla delibera riguardante il Bilancio consolidato, fatta in ritardo ma necessaria per procedere alle assunzioni, si dice con estrema chiarezza che i dati riportati sono “farlocchi”, perché non corrispondono ad una dichiarazione ufficiale fatta dalle partecipate, e quindi anche il riequilibrio dei crediti tra gli enti è non supportato da dati contabili certi”.

DIFFICOLTA’ Per Bigliocchi questa è “una dimostrazione di evidente difficoltà”, ma non la sola. “Mi ha anche colpito leggere sui social - continua - un post di un cittadino che commentava il sistema premiante verso i dipendenti comunali, atto previsto dal contratto, in cui c’era un commento di un revisore dei conti dell’ente che sosteneva di aver dato parere positivo a quella delibera per quieto vivere, nella consapevolezza che il bilancio sta andando in dissesto. Al di là della valutazione sull’opportunità della dichiarazione, credo sia un dato di una gravità assoluta, si sta perdendo la misura nell’affrontare le tematiche di bilancio.” Questo secondo Bigliocchi sarebbe testimoniato anche da “quanto si sta facendo per il recupero fiscale della Tosap, in pandemia un recupero fiscale così forte sulle attività imprenditoriali andrebbe fatto in punta di piedi, chiamando le persone e strutturando piani di rientro, leggo di cartelle esattoriali di 50 mila euro”.

CAPITOLO ASM Un commento anche su quanto pubblicato dal capogruppo Pd Alessandro Mezzetti circa Asm. “Siamo ormai alle comiche. Non riescono a fare un passo avanti, ho a questo punto perplessità che ci sia un accordo che regga col socio privato, rivedere la valutazione della società al netto di quanto incassato dalla cessione delle farmacie, a meno che non sia stata liquidata la quota parte spettante, potrebbe portare questo a non accettare la valutazione al ribasso. Mi dicono che il debito del Comune verso Asm avrebbe superato i 7 milioni, se questo è vero la cosa è drammatica” conclude Bigliocchi.