Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Comune Rieti, 31 assunzioni entro novembre

  • a
  • a
  • a

Solo questione di tempo. Qualche settimana e le 31 assunzioni promesse dal Comune diventeranno realtà. Un ritardo non certo causato dall’amministrazione comunale ma da alcune novità introdotte dalla Cosfel del Ministero dell’Interno per quanto riguarda i comuni in pre dissesto. “Il ministero ci ha comunicato i primi di ottobre che per le assunzioni occorre l’atto del Consiglio comunale nel quale viene approvato il consolidato delle partecipate. Questo avverrà il 4 novembre in commissione e la settimana successivo in consiglio. Il 17 novembre ila Cosfel si riunirà e ci darà l’ok e immediatamente faremo scorrere le graduatorie”. Le parole che tendono a riassicurare tutti arrivano dall’assessore al Personale Oreste De Santis.

“Il ministero non ha mosso alcun rilievo alla nostra richiesta, quindi per le 31 assunzioni c’è da aspettare soltanto qualche settimana, sicuramente entro la fine di novembre”. Trentuno assunzioni che riporteranno la pianta del personale comunale praticamente a regime. E questo è un punto d’orgoglio per l’assessore. “Abbiamo lavorato tanto in questi mesi, per l’obiettivo raggiunto mi sento di ringraziare i sindacati con i quali abbiamo sempre lavorato bene e con i quali abbiamo avuto un confronto costruttivo e sereno. Mi sento anche di ringraziare per il lavoro svolto il segretario comunale Laura Mancini e il dirigente del Personale Sonia Salvi insieme a tutto il suo ufficio”. Assunzioni che si divideranno in tre filoni. Un dirigente che verrà assegnato al Bilancio, 27 nuovi dipendenti e tre lsu che dopo un lungo periodo di precarietà verranno stabilizzati.

“Era uno degli obiettivi che come assessorato avevamo messo come prioritari e quindi sono soddisfatto che ora si possa scrivere la parola fine a questa vicenda. Novembre poi sarà un mese importante perché nella busta paga i nostri dipendenti troveranno il premio di produttività in base alle pagelle ottenute. Questo è un altro risultato ottenuto anche grazie al lavoro svolto in sinergia con i sindacati”.