Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, morto a Zanzibar. Presto il rientro della salma di Valerio Ciceroni a Passo Corese

pa. gio.
  • a
  • a
  • a

Potrebbe essere rimpatriata già questo fine settimana la salma di Valerio Ciceroni, il 31enne di Passo Corese che nella notte tra sabato e domenica scorsi ha perso la vita, in circostanze ancora da chiarire, nell’isola di Zanzibar, perla turistica dell’arcipelago della Tanzania, in Africa, mentre si trovava in villeggiatura con la ragazza, pure lei della Sabina.  Ed è proprio dal racconto della giovane, lei rientrata in Italia nelle scorse ore, che potrebbero emergere nuovi particolari sulle circostanze che hanno portato all’improvvisa morte del ragazzo, notizia che ha sconvolto l’intero territorio di Fara e buona parte della Sabina, dove Valerio Ciceroni era conosciutissimo, così come la sua famiglia.

 

Al momento l’ipotesi più accreditata sembra essere quella della tragica fatalità, un improvviso malore che ha colpito il giovane, trasferito d’urgenza in una struttura ospedaliera dell’isola nella quale gli sono state prestate cure d’urgenza, che nulla però avrebbero potuto fare per salvargli la vita. Questo, almeno, è quanto emergerebbe dai primi controlli medici effettuati sulla salma del 31enne, controlli che tenderebbero, al momento, ad escludere un nuovo esame autoptico da svolgersi al momento del ritorno in Italia. Ma se ne saprà di più nelle prossime ore. 

 

Intanto dagli uffici del Comune di Fara Sabina continua incessante l’attività di mediazione tra la famiglia del ragazzo che ha perso la vita nella nota località (dove come detto era in vacanza con la ragazza) e le strutture diplomatiche del Paese africano, in attesa di avviare definitivamente il rimpatrio della salma del 31enne.