Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, Sabina universitas pronta a gestire la casa studente

  • a
  • a
  • a

Rieti, la Casa dello studente di via del Porto sarà riqualificata e probabilmente affidata in gestione al Consorzio Sabina Universitas. Questo in sintesi la lunga nota con la quale Ater, proprietaria dell’immobile, ha ritenuto fare alcune precisazioni sullo stato in cui si trova l’immobile messo a disposizione degli studenti univesitari con apposita convenzione tra Ater e Polo Universitario Sabina Universitas nel 2018 i 10 mini-alloggi arredati, con i relativi spazi comuni, che sono stati assegnati sulla base di un contratto di locazione. “Le regole cui i ragazzi erano soggetti erano quelle tipiche dell’autogestione e quindi dovevano provvedere a tenere in ordine e pulire le proprie stanze come anche le parti comuni - spiegano da Ater -. Anche gli ingressi, che erano stati pensati per gli studenti, erano stati previsti con un sistema a scheda proprio per meglio regolarne la funzionalità e rendere più difficile la riproduzione come accade per le classiche chiavi. La struttura ha ospitato un numero variabile di studenti (al massimo 25) di varie nazionalità a partire dal mese di ottobre 2018 e, a parte qualche schiamazzo e/o festeggiamento da parte dei ragazzi ospitati, tutto ha funzionato regolarmente senza intralci particolari. Nel corso del 2020 a una Associazione molto nota in città sono stati concessi in locazione alcuni locali al piano terra al fine di utilizzare alcuni spazi che gli studenti non utilizzavano all’interno del complesso”.

 

 

Poi è arrivata la pandemia con le note restrizioni e molti studenti che avevano lasciato l’Italia non hanno poi potuto o voluto rientrare senza avvertire l’Ater che a seguito di un sopralluogo ha deciso di riprendere in consegna gli alloggi e di non rinnovare i Contratti di locazione trattenendo la caparra versata dai locatari. “Una iniziativa positiva come la casa dello studente di via del Porto - ha dichiarato il presidente dell’Ater, Giancarlo Cricchi - è stata negativamente influenzata dall’epidemia determinando l’abbandono degli alloggi da parte degli studenti e rendendo difficile garantire la presenza dei dipendenti dell’azienda che, con grande spirito di collaborazione, quando è servito, si sono resi volontariamente disponibili, anche fuori dall’orario di lavoro, a supportare gli studenti ospitati.

 

 

"Per la futura gestione dell’immobile - conclude il presidente dell’Ater - l’Azienda è oggi impegnata a definire con la Sabina Universitas i dettagli di una convenzione che garantisca una gestione complessiva della residenzialità in un luogo che può davvero rappresentare un valore aggiunto per tutta la città considerata la sua posizione nel centro storico di Rieti e la sua vicinanza con la nuova sede dell’Università che ci attendiamo possa divenire operativa a breve a Palazzo Aluffi”.