Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, droga. Panda imbottita di hashish sull'autostrada: sequestrati 2 chili di stupefacenti a Magliano Sabina. La polizia arresta due persone

Paolo Di Basilio
  • a
  • a
  • a

Viaggiavano a bordo di una Panda imbottita di droga. Gli agenti della sottosezione della polizia stradale di Roma Nord hanno messo a segno un altro duro colpo contro i corrieri della droga.  Nella mattinata di sabato 25 settembre è stata intercettata un'auto che, dopo aver fatto rifornimento di stupefacenti, si dirigeva verso le Marche per poi piazzare la droga probabilmente nella piazza di spaccio di Ancona. Sono finiti in carcere due trentenni marchigiani. Sono stati fermati dagli agenti sabato mattina lungo l'A1 in direzione Firenze all'altezza del casello di Magliano Sabina. Una volante della Polstrada di Roma Nord – che controlla appunto il tratto dal raccordo A24 fino allo svincolo sabino – stava seguendo già da diversi chilometri una panda celeste che procedeva con un'andatura anomala. 

Quando l'equipaggio ha affiancato l'auto le due persone a bordo hanno iniziato ad assumere un atteggiamento strano. A quel punto gli agenti hanno intimato l'alt avvenuto proprio al casello. Da un primo controllo dei documenti è emerso che i due – G. M. e C. L. trentenni – sono delle vecchie conoscenze delle forze dell'ordine implicati in indagini e processi legati allo spaccio e al traffico di stupefacenti. Ce n'era abbastanza dunque per approfondire.  Gli occupanti della Fiat Panda sono stati fatti scendere dall'auto ed è scattata la perquisizione: uno dei due nascondeva un panetto di circa 2 etti e mezzo di hashish nelle mutande. Ma i poliziotti erano convinti che c'era dell'altro e l'intuizione è stata giusta. L'auto era in sostanza imbottita di droga.  Nascosti dietro i pannelli degli sportelli – all'interno della carrozzerie – sono spuntati altri 20 panetti di hashish per un peso di 2 chili e 100 grammi. Un quantitativo importante che ha fatto scattare l'ipotesi aggravata per i due. 

 

Sono stati accompagnati nella caserma di Fiano Romano e poi, dopo le formalità di rito, entrambi sono stati arrestati. A loro carico procede, considerato il territorio dove sono stati arrestati, la Procura di Rieti. E' stata disposta – vista la gravità del reato contestato – la misura cautelare in carcere. Uno è ristretto nel penitenziario di Velletri e l'altro in quello di Vasto, in provincia di Chieti. I poliziotti hanno svolto anche i primi accertamenti per capire dove è stata acquistata la droga e quale era la destinazione. Secondo una prima ricostruzione i due erano partiti la stessa mattina da Ancona per raggiungere la Capitale. Dopo aver fatto rifornimento di droga stavano tornando verso Ancona e probabilmente sarebbero usciti a Orte per prendere l'E45. Sarà l’interrogatorio di garanzia a fare ulteriore chiarezza su questa vicenda.  Da capire, infatti, se i due non viaggiassero da soli ma insieme ad altre auto che sarebbero sfuggite ai controlli.