Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Rieti, in Sabina 917 docenti ancora non vaccinati

Paola Corradini
  • a
  • a
  • a

Nell’ambito del Piano regionale scuole si è tenuto ieri, presso l’aula magna del Luigi di Savoia, un incontro informativo voluto dall’Asl in collaborazione con l’Ufficio Territoriale Scolastico. Formazione, informazione e prevenzione i temi affrontati e legati al contrasto della diffusione del Covid nelle scuole. Presenti il direttore generale Asl, Marinella D’Innocenzo, il dirigente dell’Ufficio scolastico Michele Donatacci oltre alla dirigente del Luigi di Savoia, Raffaella Giovannetti. È attivo da un anno ed ha interessato non soltanto il personale scolastico ma anche genitori e studenti. Il monitoraggio, anche a causa dei diversi focolai che lo scorso anno scolastico si sono registrati, è stato continuo come pure l’informazione e le attività di prevenzione grazie anche agli open day e gli open hub che hanno portato alla vaccinazione degli studenti dai 12 anni in su. La D’Innocenzo ha annunciato la partenza del Piano per il monitoraggio della circolazione Covid nelle scuole primarie e secondarie di primo grado per la fascia di età 6-14 anni.

“Si tratta di uno screening che prevede la somministrazione inizialmente guidata e in seguito eseguita da soli, di test molecolari su un campione salivare che verrà eseguito per ora nelle cosiddette ‘scuole sentinella’. Le prime due scuole coinvolte sono l’Angelo Maria Ricci e l’istituto comprensivo di Fara in Sabina dove, fino al 1 ottobre verranno eseguiti 250 test molecolari salivari”. Dal 30 settembre al 16 ottobre partirà il secondo campionamento e poi si procederà ad allargare lo screening ad altri istituti. A Rieti saranno la Minervini-Sisti mentre in provincia toccherà alla Ferruccio Ulivi di Poggio Moiano. “Gli screening degli alunni nelle scuole sentinella - ha aggiunto il direttore Asl - continueranno per tutto il periodo scolastico e contemporane inizieremo anche su tutta la popolazione scolastica locale”.

Per Michele Donatacci, dell’Ufficio scolastico territoriale provinciale “ascoltare ed informare le scuole oltre a promuovere iniziative come quella partita oggi serve per migliorare ed avere scuole sicure”. La dirigente del Luigi di Savoia Raffaella Giovannetti ha ribadito l’importanza, con la ripresa delle attività didattiche, di un raccordo con le organizzazioni sanitarie e l’ufficio scolastico e con i dirigenti “perché è necessario che siano tutelate la salute e la sicurezza del personale, delle famiglie e degli studenti”. Ed è per questo che Marinella D’Innocenzo invita a vaccinarsi chi ancora non lo ha fatto. “Su un totale di 2085 docenti, sono 1049 i docenti che hanno completato il ciclo vaccinale e 118 quelli che hanno effettuato la prima dose”. Quindi all’appello ne mancano ancora 917. Su un totale di 188 positivi, si registrano 33 under 11 e 31 giovani di età tra 12 e 18 anni. “Un numero che preoccupa – ha detto la D’Innocenzo - su cui stiamo intervenendo con ulteriori iniziative di sensibilizzazione indirizzate ai genitori, in molti casi non vaccinati, che sono spesso il veicolo di trasmissione ed infezione per i propri figli”.